"SCIOPERATO"

                                  

Un appuntamento regolare, cui non riesco a sfuggire. Ora ho la misura colma e quest’anno mi propongo di cambiare atteggiamento. Mi offende, oggi. Un tempo, soprattutto agli inizi della carriera, mi generava una sorta di goduria narcisistica, che scambiavo per altruismo. O meglio lo sono altruista, però devo essere io a sentirlo; se “imposto”, l’altruismo è stupidità. Vengo al punto. Ho la misura colma di mettere al servizio degli altri la mia professionalità senza avere un minimo di riconoscimento in termini di denaro. E non solo. Tutti definiscono “facili” gli studi letterari, ma quando si tratta di scrivere un testo, le chiuse della presunzione si bloccano; hanno bisogno dell’aiutino, della correzione sintattica, della verifica lessicale, di impostare una relazione o una presentazione o una tesi di laurea. E l’ultima è una consulenza etimologica. Mai viene posta la domanda “quant’è il disturbo?”. È come se non si fosse disposti a riconoscere un prezzo a qualcosa che, effettivamente, sfugge, poiché non è del tutto materiale, cioè non ha una ricaduta sul piano della concretezza prosastica. Un amico, solo per aver chiesto ad un architetto l’abbozzo per la modifica di una stanza, si è sentito rispondere  500 euro! Sacrosanto! Inappuntabile! Per una visita dall’otorinolaringoiatra, gran professionista, che sguazza nella ricchezza, ho pagato 170 euro. Solo 15 minuti! Benedetta somma! Io proprio non ci riesco; cedo, lusingato, alla richiesta di aiuto e zac! Fregato! Non dovrebbe essere il “bisognoso” d’aiuto a farsi avanti? Invece no. Facce serafiche con dietro la coda di una volpe.  Non è venalità da parte mia, ma coscienza di saper svolgere sufficientemente bene il lavoro. Devo cambiare stile e farmi più furbo, non per essere pagato, ma per ribadire agli scrittori improvvisati che il mio tempo è denaro e che il lavoro intellettuale, anche se minimo, ha un prezzo!

 

 

 

103 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. melchisedec
    Gen 12, 2006 @ 17:02:00

    Ciccio, io ci sto! Ma tu devi fungere da “maestro” ancora una volta!
    🙂

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Gen 12, 2006 @ 17:02:00

    Ciccio, io ci sto! Ma tu devi fungere da “maestro” ancora una volta!
    🙂

    Mi piace

    Rispondi

  3. melchisedec
    Gen 12, 2006 @ 17:02:00

    Ciccio, io ci sto! Ma tu devi fungere da “maestro” ancora una volta!
    🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: