ANTONIA POZZI, IL PROF E GLI ALUNNI

Esempi montagna 2
Anima, sii come il pino:
che tutto l’inverno distende
nella bianca aria vuota
le sue braccia fiorenti
e non cede, non cede,
nemmeno se il vento,
recandogli da tutti i boschi
il suono di tutte le foglie cadute,
gli sussurra parole d’abbandono;
nemmeno se la neve,
gravandolo con tutto il peso
del suo freddo candore,
immolla le fronde e le trae
violentemente
verso il nero suolo.
Anima, sii come il pino:
e poi arriverà la primavera
e tu la sentirai venire da lontano,
col gemito di tutti i rami nudi
che soffriranno, per rinverdire.
Ma nei tuoi rami vivi
la divina primavera avrà la voce
di tutti i più canori uccelli
ed ai tuoi piedi fiorirà di primule
e di giacinti azzurri
la zolla a cui t’aggrappi
nei giorni della pace
come nei giorni del pianto.
 
Anima, sii come la montagna:
che quando tutta la valle
è un grande lago di viola
e i tocchi delle campane vi affiorano
come bianche ninfee di suono,
lei sola, in alto, si tende
ad un muto colloquio col sole.
La fascia l’ombra
sempre più da presso
e pare, intorno alla nivea fronte,
una capigliatura greve
che la rovesci,
che la trattenga
dal balzare aerea
verso il suo amore.
Ma l’amore del sole
appassionatamente la cinge
d’uno splendore supremo,
appassionatamente bacia
con i suoi raggi le nubi
che salgono da lei.
Salgono libere, lente
svincolate dall’ombra,
sovrane
al di là d’ogni tenebra,
come pensieri dell’anima eterna 
verso l’eterna luce.
(Antonia Pozzi)
 
In questi giorni ci siamo misurati con la profondità di Antonia Pozzi. Io e i miei alunni di secondo anno.
Per la verità dapprima essi nelle ore del compito in classe, poi insieme durante le interrogazioni.
Una goduria, stamani, le due ore trascorse con loro. Ho sempre messo da parte “l’alterigia narcisistica” tipica del professore di lettere, che tutto sa e tutto contesta(tranne che per i voti!). Poi con la poetessa Pozzi sarebbe impossibile! Si svela tutta la mia “minuscolinità” di fronte all’immenso poetico, all’intreccio di immagini e parole, al gioco di sinestesie che addolciscono il senso della “lingua” e le niviere del cuore e della vita. Attoniti abbiamo contemplato la Poesia.  Ci siamo persi nel bianco della neve paghi del nostro peso umano, ritrovandoci zolla dura che conserva il seme di azzurrità floreali e fragranze terrestri.
Abbiamo disquisito sulla liquidità del verbo “immollare”, peraltro ignorato dal pc, mentre lo digito. Osmoticamente siamo stati parte delle fronde aghiformi del pino, interrati dalla potenza della falda nivea,
mentre baluginava nei nostri occhi la lacrima del verde che, nascendo, soffre, per poi morire e rinascere nuovamente. I nostri occhi si sono persi nella valle violacea, nella cui immensità lacustre si è intorpidito il nostro dolore; ma è stato solo un attimo, poiché il suono delle campane ha spezzato quel luttuoso colore in forma di leggerezza floreale. Abbiamo toccato le cime di quella montagna, invidiandole il “muto colloquio” con il sole. E, narcisisticamente da me condotti, han frettolosamente fotografato le immagini di tante voci poetiche, amiche ad Antonia, che hanno giocato con i termini “muto”, “colloquio”, “mutam cinerem”, “muto cenere”. Di tanti padri che han fatto dialogare se stessi o i propri “alter ego” con il sole, ora energia della materia, ora primo amore, ora “oriente” portatore di santità. E per pochi istanti abbiamo percepito la leggerezza di quei pensieri senza il nostro corpo e la presenza del nostro corpo senza i nostri pensieri.
Il mio ringraziamento a BLUE(tra i miei link TIMELINE), cui dedico il post; Antonia Pozzi, ormai, è tra i link dei miei poeti preferiti.
 
 

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in ab anno 2011. Contrassegna il permalink.

36 risposte a ANTONIA POZZI, IL PROF E GLI ALUNNI

  1. parolenondette2 ha detto:

    Mi inchino alla tua bravura prof…mi hai fatto “sentire” e “vivere” questi versi.
    Lo sai si, che tra te e Blue, vivrò di rendita per almeno due lezioni?
    Non avevo che una conoscenza superficiale di Antonia Pozzi, Blue prima, tu ora avete fatto nascere in me il desiderio di approfondire questa conoscenza.
    Grazie Mel…e…rischio l’accusa di plagio se approfitto di queste tue parole?
    Prometto che mi metterò a studiare e non lo farò mai più!!!
    Un bacio…per ottenere più facilmente il perdono.

    Mi piace

  2. parolenondette2 ha detto:

    Mi inchino alla tua bravura prof…mi hai fatto “sentire” e “vivere” questi versi.
    Lo sai si, che tra te e Blue, vivrò di rendita per almeno due lezioni?
    Non avevo che una conoscenza superficiale di Antonia Pozzi, Blue prima, tu ora avete fatto nascere in me il desiderio di approfondire questa conoscenza.
    Grazie Mel…e…rischio l’accusa di plagio se approfitto di queste tue parole?
    Prometto che mi metterò a studiare e non lo farò mai più!!!
    Un bacio…per ottenere più facilmente il perdono.

    Mi piace

  3. timeline ha detto:

    Ho gli occhi lucidi, Mel…gocce di luce sulla tastiera…
    non ho parole…
    “immolla” è un verbo che ha sciolto anche me per la sua purezza e per l’intenso significato che Antonia imprime.

    Grazie, di cuore, sei un insegnante attento e stupendo e i tuoi allievi devono essere orgogliosi di te.
    ti lascio una delle poesie che amo, come abbraccio sincero e affettuoso.

    Blue

    Mattino

    In riva al lago azzurro della vita
    son corpi
    le nuvole bianche
    dei figli carnosi del sole:

    già l’ombra è alle spalle, catena
    di mondi sommersi.

    E a noi petali freschi di rosa
    infioran la mensa e son boschi
    interi e verdi di castani smossi
    nel vento delle chiome:

    odi giunger gli uccelli?

    Essi non hanno paura
    dei nostri volti e delle nostre vesti
    perché come polpa di frutto
    siamo nati dall’umida terra.

    Antonia Pozzi – Pasturo, 10 luglio 1938

    Mi piace

  4. timeline ha detto:

    Ho gli occhi lucidi, Mel…gocce di luce sulla tastiera…
    non ho parole…
    “immolla” è un verbo che ha sciolto anche me per la sua purezza e per l’intenso significato che Antonia imprime.

    Grazie, di cuore, sei un insegnante attento e stupendo e i tuoi allievi devono essere orgogliosi di te.
    ti lascio una delle poesie che amo, come abbraccio sincero e affettuoso.

    Blue

    Mattino

    In riva al lago azzurro della vita
    son corpi
    le nuvole bianche
    dei figli carnosi del sole:

    già l’ombra è alle spalle, catena
    di mondi sommersi.

    E a noi petali freschi di rosa
    infioran la mensa e son boschi
    interi e verdi di castani smossi
    nel vento delle chiome:

    odi giunger gli uccelli?

    Essi non hanno paura
    dei nostri volti e delle nostre vesti
    perché come polpa di frutto
    siamo nati dall’umida terra.

    Antonia Pozzi – Pasturo, 10 luglio 1938

    Mi piace

  5. marzia ha detto:

    Io mi limito a godere di questi cammei che mi arrivano grazie al web.
    Bravo Mel e brava Blue..:)

    Mi piace

  6. marzia ha detto:

    Io mi limito a godere di questi cammei che mi arrivano grazie al web.
    Bravo Mel e brava Blue..:)

    Mi piace

  7. pitagox2 ha detto:

    bellissime…non ho altre parole

    Giulia

    Mi piace

  8. pitagox2 ha detto:

    bellissime…non ho altre parole

    Giulia

    Mi piace

  9. cristhina6000 ha detto:

    ciao bello il post

    Mi piace

  10. Hyeronimus ha detto:

    Devo darti atto Melchi di un’umiltà e di un’apertura mentale che ti fa onore;
    non che già non avessi un’alta e affettuosa opinione di te,
    ma quanto da te stesso espresso nel post a proposito di questo trasporto che ha preso tutti noi e anche te (a giusta ragione) per questa delicata poetessa misconosciuta ai più, e che avresti potuto snobbare con un “Pfuii”…
    beh, mi rallegra molto e mi spinge ad abbracciarti con maggiore affetto se possibile.

    Mi piace

  11. Hyeronimus ha detto:

    Devo darti atto Melchi di un’umiltà e di un’apertura mentale che ti fa onore;
    non che già non avessi un’alta e affettuosa opinione di te,
    ma quanto da te stesso espresso nel post a proposito di questo trasporto che ha preso tutti noi e anche te (a giusta ragione) per questa delicata poetessa misconosciuta ai più, e che avresti potuto snobbare con un “Pfuii”…
    beh, mi rallegra molto e mi spinge ad abbracciarti con maggiore affetto se possibile.

    Mi piace

  12. melchisedec ha detto:

    Dove c’è poesia, ci sono sentimenti che onorano l’essere umano, Hiero! 🙂

    Mi piace

  13. melchisedec ha detto:

    Dove c’è poesia, ci sono sentimenti che onorano l’essere umano, Hiero! 🙂

    Mi piace

  14. BlackLace ha detto:

    Percorrendo, ormai da giorni, i vari blog, mi accorgo di quanto bisogno di poesia ci sia attorno. Cambiano i tempi, cambia la storia (ma cambia poi questa storia?) ma la necessità di bere parole che vanno oltre, che rendono o possono rendere il nostro quotidiano meno duro, meno rigido, resta, anzi, forse oggi più di ieri questo bisogno. Aridità è ciò che vorrebbero per noi, ma, come disse non ricordo chi “al cuore non si comanda” e chiede acqua, chiede vita, sotto qualsiasi forma essa arrivi.
    Bello qui, da Blue, da Marzia.. bello ovunque ci sia un cuore.

    Scusa lo sproloquio forse avevo solo bisogno di parlare.

    Black

    Mi piace

  15. BlackLace ha detto:

    Percorrendo, ormai da giorni, i vari blog, mi accorgo di quanto bisogno di poesia ci sia attorno. Cambiano i tempi, cambia la storia (ma cambia poi questa storia?) ma la necessità di bere parole che vanno oltre, che rendono o possono rendere il nostro quotidiano meno duro, meno rigido, resta, anzi, forse oggi più di ieri questo bisogno. Aridità è ciò che vorrebbero per noi, ma, come disse non ricordo chi “al cuore non si comanda” e chiede acqua, chiede vita, sotto qualsiasi forma essa arrivi.
    Bello qui, da Blue, da Marzia.. bello ovunque ci sia un cuore.

    Scusa lo sproloquio forse avevo solo bisogno di parlare.

    Black

    Mi piace

  16. roxelo ha detto:

    Ecco un’altra tua perla di cui mi beo. Non conoscevo Antonia Pozzi, ma questo post mi dà l’occasione di colmare la lacuna.

    Un caro saluto

    Mi piace

  17. roxelo ha detto:

    Ecco un’altra tua perla di cui mi beo. Non conoscevo Antonia Pozzi, ma questo post mi dà l’occasione di colmare la lacuna.

    Un caro saluto

    Mi piace

  18. alidada ha detto:

    mi fai venir voglia di tornare al liceo e di partecipare alle lezioni d’Italiano.. Sei entusiasmante…
    Un abbraccio e un caro saluto anche alla dolce Blue 🙂

    Mi piace

  19. alidada ha detto:

    mi fai venir voglia di tornare al liceo e di partecipare alle lezioni d’Italiano.. Sei entusiasmante…
    Un abbraccio e un caro saluto anche alla dolce Blue 🙂

    Mi piace

  20. Raymond ha detto:

    non mi vergogno certo ad ammettere che non conoscevo affatto Antonia Pozzi, un grazie a te Mel perchè ci dai sempre nuovi spunti, anche per chi come me non è certo del “mestiere” 🙂

    Mi piace

  21. Fantedicuori67 ha detto:

    Poesia immortale…io l’ho letta cosi.
    Non c’è che dire…
    Buonanotte!!

    Mi piace

  22. Fantedicuori67 ha detto:

    Poesia immortale…io l’ho letta cosi.
    Non c’è che dire…
    Buonanotte!!

    Mi piace

  23. arsomnia ha detto:

    Ritrovo Antonia anche qui, dopo che me l’ha fatta conoscere Blue…
    Grazie 🙂

    Mi piace

  24. arsomnia ha detto:

    Ritrovo Antonia anche qui, dopo che me l’ha fatta conoscere Blue…
    Grazie 🙂

    Mi piace

  25. vera.stazioncina ha detto:

    …forse non te ne sei accorto…ma mi sono seduta in un banco libero in fondo alla classe ed ho seguito attenta la lezione;-)
    grazie a te e a Blue:-)
    un sorriso
    veradafne

    Mi piace

  26. vera.stazioncina ha detto:

    …forse non te ne sei accorto…ma mi sono seduta in un banco libero in fondo alla classe ed ho seguito attenta la lezione;-)
    grazie a te e a Blue:-)
    un sorriso
    veradafne

    Mi piace

  27. gohome ha detto:

    Estatica mi immergo nella dolce atmosfera di questo post,nelle tue parole così ben espresse,nel pensiero che volge lo sguardo ovunque ed ovunque attinge passione per la vita,per il proprio lavoro,fermando il tempo nell’immortalità di questa poesia.Avrei voluto esserci.
    Grazie per la coccola.
    Complimenti a Blue per averci fatto conoscere A.Pozzi.
    Un bacio go

    Mi piace

  28. gohome ha detto:

    Estatica mi immergo nella dolce atmosfera di questo post,nelle tue parole così ben espresse,nel pensiero che volge lo sguardo ovunque ed ovunque attinge passione per la vita,per il proprio lavoro,fermando il tempo nell’immortalità di questa poesia.Avrei voluto esserci.
    Grazie per la coccola.
    Complimenti a Blue per averci fatto conoscere A.Pozzi.
    Un bacio go

    Mi piace

  29. nasrudin ha detto:

    io direi che il ragazzo dimostra una chiara e profonda passione per gli argomenti trattati.
    in particolar modo per la poesia.
    Ha cura ed eleganza nella modalità espositiva, ma…….
    ha margini di miglioramento.
    voto: 7+
    un saluto
    all’alunno Mel
    dallo stitico Nasrudin
    p.s. Bella la poesia!

    Mi piace

  30. nasrudin ha detto:

    io direi che il ragazzo dimostra una chiara e profonda passione per gli argomenti trattati.
    in particolar modo per la poesia.
    Ha cura ed eleganza nella modalità espositiva, ma…….
    ha margini di miglioramento.
    voto: 7+
    un saluto
    all’alunno Mel
    dallo stitico Nasrudin
    p.s. Bella la poesia!

    Mi piace

  31. mieleamaro ha detto:

    Ciao Mel,conoscerti è un piacere anche per me…complimenti per il tuo blog. E’ molto bello e ,come dice la nostra cara amica Alidada ,mi fai venire la voglia di tornare sui banchi….Coltiva il tuo entusiasmo e la tua passione c’è bisogno di prof come te. Un saluto e a presto:-)Mara

    Mi piace

  32. latendarossa ha detto:

    Bravo prof. il concetto di minuscolinità (associato a questi versi, poi) non è male…mi piace…altro che magniloquenza…

    Mi piace

  33. mariaprivi ha detto:

    Perdonate il fuoritema in casa del prof. di lettere: da me ci sono due trafiletti sull’antimafia, che penso possano interesare i lettori di questo spazio intriso di sana sicilianità.

    Mi piace

  34. InsideMarilyn ha detto:

    E’ un piacere essere commentata da un prof. di lettere ed è ancora più strano che lei ami Boccaccio,il mio prof. lo odia.Tornerò a trovarla.

    Mi piace

  35. melchisedec ha detto:

    Come si può odiare un essere umano così intelligente come Giovanni Boccaccio?; è anche vero, Marylin, che io mi ispiro , per il mio blog, ad una novella del Decameron, soprattutto per l’acutezza delle parole e per la salvezza di cui esse sono portatrici.
    🙂
    Maria, accolto l’O.T! 🙂

    Mi piace

  36. melchisedec ha detto:

    Come si può odiare un essere umano così intelligente come Giovanni Boccaccio?; è anche vero, Marylin, che io mi ispiro , per il mio blog, ad una novella del Decameron, soprattutto per l’acutezza delle parole e per la salvezza di cui esse sono portatrici.
    🙂
    Maria, accolto l’O.T! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...