NOBILE, SALVIFICO, FORTE E POTENTE

Poche settimane fa, due miei ex-alunni, Werner e Angelo, ora iscritti in ingegneria, mi hanno donato un cd contenente dei pezzi di poesia; tra essi una canzone di Rosa Balistreri.
 Werner, in una e-mail, mi scrive: <<Abbiamo dibattutto a lungo con Angelo su quale versione regalarle (scusi la presunzione): "vissuta" è l’esecuzione di Rosa (donna dalla biografia…difficile), reinterpretata (e riarrangiata) l’altra. Quella di Rosa, che merita di essere proposta, probabilmente è superiore in quanto voce e lirica sono con viva partecipazione "intessute". Ma quella di Etta Scollo è la prima versione, anzi la prima interpretazione che ho conosciuto di "Rosa canta e cunta" e per questo l’ho voluta proporre così. Ma poiché questo regalo è frutto sincretico dei nostri "amori" (tanto per citarla) e "scoperte" musicali farà seguito sicuramente "Rosa canta e cunta" della Balistreri. Ne varrà la pena>>. E ancora scrive:<<Insomma la paura come sentimento nobile, salvifico forte e potente come il dubbio che salverà il mondo, una difesa che rischia di difendere troppo, quel sentimento che ci rende prudenti ma che rischia di inibire,che rischia di spalmare (secondo me, il rischio potrebbe esserci) l’uomo-Ulisse (dantesco) come un "mollicetto" (direbbe Roberto), etc.. insomma la paura purché non sia da sola>>.
Bastano le parole di Werner a tratteggiare semanticamente il senso della poesia.
Appena ascoltata,  me ne sono invaghito, poi innamorato, oggi la amo intensamente. E quando si ama, non si può tenere dentro ciò che si ama. Per tale motivo la canzone è diventata spunto di riflessione per un tema in classe dei ragazzi di prima. Ed ecco cosa scrive un virgulto:
<<Il coraggio e la paura. Due forze grandissime che a volte l’uomo non riesce a controllare; prendono il sopravvento e contribuiscono a farci essere quello che siamo>>.
Dedico questa canzone a Werner, ad Angelo, ai miei alunni, ai Siciliani che domenica rinnoveranno il Parlamento siciliano, a Rita Borsellino, a chi proverà un brivido di testa e di cuore leggendo la poesia della Balistreri.
 
Stasira vaju e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p’un mumentu
la vita a lu passatu i a la memoria.
Stasira cu la vampa di l’amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.
C’è chiù duluri, c’è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l’umanità
Nun è lu chiantu ca cancia lu distinu,
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.
Nuddu binidicì lu me caminu,
mancu la manu nica d’un parrinu
e vaju ancora comu va lu ventu
cercari paci sulu p’un mumentu.
Vogliu spaccari…spaccari li cieli
pì fari chioviri…chioviri amuri.
C’è cu t’inganna, c’è cu cumanna
e cu ‘n silenziu mutu si nni sta.
È lu putiri ca nforza li putenti,
è lu silenziu ca ammazza li ‘nnuccenti,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.
Vinni a stu munnu quannu lu "Voscienza"
si schifiava pi li strati strati.
Tempi d’abbusi, di fami e di guerra
criscivu mmenzu di li malannati.
Lacrimi muti ni chiancivi e quanti,
la me nnuccenza si la sparteru ‘n tanti.
La mala genti, li priputenti,
tanti su tanti nni sta sucità.
Nun è l’amuri ca crisci ad ogni banna,
ma lu favuri ca sparti cu cumanna,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri… lu cuntu.
(Rosa Balistreri)
 
 
 
 Stasera vado e corro insieme al vento
ad aprire le porte della storia.
Stasera, per un momento,
voglio ridare vita al passato e alla memoria.
Stasera, con la vampa dell’amore,
scavo una fossa al dolore.
C’è più dolore, c’è più tormento
che gioia e amore per l’umanità.
Non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che arresta il cammino,
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.
Nessuno ha benedetto il mio cammino
neanche la piccola mano di un prete
e vado ancora come va il vento
a cercare pace solo per un momento,
voglio spaccare… spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.
C’è chi ti inganna, c’è chi comanda
e chi in silenzio, zitto se ne sta.
È il potere che rafforza i potenti
è il silenzio che ammazza gli innocenti
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.
Sono venuta al mondo quando il "Vossignoria"
si profferiva ad ogni angolo di strada.
Tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo ai malandati.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono divisa in tanti
La cattiva gente, i prepotenti,
sono tanti e tanti in questa società.
Non è l’amore che cresce ad ogni angolo
ma il favore che elargisce chi comanda
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.
 
 

13 pensieri su “NOBILE, SALVIFICO, FORTE E POTENTE

  1. invidiaaaa !!! (sana)
    che passo e che tempi … mi lascia senza respiro.
    eppoi gran chiusura:
    “Canto e racconto, racconto e canto
    per non perdere il conto”
    ( sembra un diavolo, sembra un angelo, sembra un padrone, sembra un pastore, sembra Faletti, sembra Capossela .. ma alla fime è solo Lei 🙂
    grazie infinite prof ! buon weekend 🙂

    "Mi piace"

  2. Bella piena di pathos e di vissuto,ho letto la versione originale e non mi è stato difficile capire essendo pugliese,lo scritto si discosta poco forse la differenza sta nel parlarlo il vernacolo.
    Buon fine settimana,forza Rita Borsellino.
    gohome

    "Mi piace"

  3. domani si vota dalle tue parti. sai già quale sia il mio auspicio: che quel cuore per Rita canti e racconti l’inizio di una svolta..davvero me lo auguro, te lo auguro, ve lo auguro e in tanti ce lo auguriamo.
    ciao Mel
    Nasrudin
    p.s. il testo l’ho compreso abbastanza facilmente anch’io e me lo son goduto di più nell’originale..

    "Mi piace"

  4. Melchi, quella specie di poesia che ho postato da me in realtà è un testo musicale di Gianmaria Testa, un cantante che ho conosciuto tramite un blogger. I suoi testi trovo siano quasi poesia.
    Ciao ciao, buona settimana entrante!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...