Non ti rendi giustizia

Non ti rendi giustizia.
Come si fa a percorrere un deserto e, pur affamati, non si ha il coraggio di sollevare la pietra che sta accanto, perché si teme la presa ferale dello scorpione?
Solo quel “mostro” può sfamarti.
Eppure la codardia è tale che smagrisci giorno dopo giorno, perché aspetti dall’orizzonte, avvelenato dalla gibigiana del sole, il miraggio che ti rifocillerà.
L’accarezzi la ruvida pietra, scosti, improvvisa, la mano, temendo di solleticare l’apparato difensivo delle tenaglie animali.
Poi, un giorno, stremato, alzi la pietra e scopri che il temuto nemico non c’è.
Contempli, appassito dal sole, quello che non c’è e che, folle, ti illudevi esistesse.
Che dissennati gli uomini!
Non ti rendi giustizia

17 pensieri su “Non ti rendi giustizia

  1. Criptico sì… i tesori sono dentro noi, a volte non li vediamo, acceccati dai “falsi soli” e così, scopertili, rimaniamo di stucco, stolti per non averli fatti fruttare.
    Dirò di più: ciò che credevamo fosse debolezza, è invece forza e bellezza. Con umiltà tutto ciò.
    🙂

    "Mi piace"

  2. Mel voglio conservarmi questo post e il tuo commento.
    Ti spiace?
    Sono riflessioni universali espresse con la tua innata originalità.
    Che ,poi, è condita di umiltà il che la rende ancora più ineludibile.

    "Mi piace"

  3. Mi ha colpito molto quel “Non ti rendi giustizia” a siglare le tue riflessioni. L’ho trovato perfetto e tagliente, dato che credo di non essermi resa giustizia parecchie volte, purtroppo.

    "Mi piace"

  4. L’attesa di qualcosa che vorresti e non vorresti, poi, quando finalmente non ce la fai più, e prendi coraggio, scopri che è scomparso, e che quindi hai perso l’occasione d’oro. Mi sembra una “circostanza” tipica dei rapporti interpersonali e in particolare di quelli affettivo-sentimentali.

    "Mi piace"

  5. E quando scosti la pietra, nemmeno immaginando l’esistenza degli scorpioni, e lo scorpione c’è e ti morde?…

    Però il tuo commento n° 3, che contiene una osservazione che mi ha lasciata interdetta per quanto è vera, al discorso della pietra e dello scorpione non riesco a ricollegarlo.

    "Mi piace"

  6. Tenterò di essere più chiaro; appositamente “oscuro”, lo ammetto, poichè quando si sfiora l’initimità si è quasi gelosi, almeno io son fatto così. Infatti ero indeciso se postarlo o no, giace da una settimana sulla scrivania dello schermo.
    Tento…
    Per anni, per una vita uno è convinto fortemente che, dando visibilità ad una parte di sè che ritiene negativa, possa farsi del male, perciò la nasconde, la occulta, pur sentendo l’esigenza di darle voce. Un evento minimo, insignificante, ma a volte anche dettato dalla necessità(pietra da sollevare a causa della fame) fa sì che emerga e si scopre che non è negativa, ma salutare, vitale. Può succedere con le nostre debolezze o quelle che riteniamo tali, può capitare con la bellezza che egoisticamente teniamo dentro, perchè temiamo che possa farci del male; tutto frutto dell’inganno del rappresentarci a noi stessi, non tenendo conto della relazione con gli altri.

    Certamente, alzando la pietra, può esserci pure lo scorpioncello e zacchete! Può essere la fine, la conclusione di un “destino”. Quanto odio il termine “destino”! E’ facile scaricare su di esso Tutto. 🙂

    Coltivare i tesori nascosti, occultati(per vari motivi), non ben percepiti, è forse la missione di ognuno di noi. Dapprima scoprirli.

    🙂 Un sorriso per farmi perdonare dell’oscurità.

    "Mi piace"

  7. Dimenticavo…
    E la cosa può succedere se osserviamo la vita degli altri.
    Per questioni di lavoro in team “frequento” un collega e lavorando… cosa scopro? Che è creativa, intelligente, sa scrivere, ma Lei si ritiene uno straccio e anche suo marito, mi diceva, la spinge a valorizzarsi. In cosa perde tempo invece? Ad essere come le altre donne… in linea, in forma, ginnastica, palestre, nuoto… e poco tempo per i suoi talenti.

    "Mi piace"

  8. perdona se lascio un commento che non c’entra col post…ricordi l’altro giorno, la mia classifica delle cose che non sopporto? optavi per la stessa mia, “lardellare frasi italiane con parole inglesi”, e dicevo che è un brutto vezzo del giornale Cosmopolitan. Ora, passando di qua, mi è venuta voglia di scrivertene una. A proposito di un Centro Benessere: “Dovreste fare una full immersion nel suo mood, perchè il vostro charme sia al top”. Ti rendi conto? non freme il professore in te? io mi domando quanto a lungo sopporterò ancora di leggere questo giornale: non si poteva scrivere “Dovreste immergervi nella sua atmosfera, perchè il vostro fascino sia al massimo”?

    "Mi piace"

  9. Posso darti un consiglio sui linguaggi deliranti? vatti a fare un giro in qualche profumeria e guardati bene il settore “fondotinta” dei vari espositori delle diverse marche. Leggerai una terminologia delirante: peccato che non l’ho tutta in mente, ma i fondotinta asseritamente sono: leviganti, rassodanti, radianti, sollevanti, liscianti, compattanti, setificanti, effetto lifting, effetto radiance, effetto young, effetto pearl e altre assurdità del genere. Una pelle brutta resta brutta, amen.

    "Mi piace"

  10. AH SI E DIMENTICAVO… effetto tensore, effetto turgore, effetto vellutante. E ti confesso che talvolta per la sera uso anch’io il fondotinta: alla luce artificiale, dà un aspetto migliore. Ma solo per le uscite serali e in occasioni speciali. In ogni caso, riaffermo la mia convinzione: un fondotinta non inganna nessuno, se un volto è sciupato non c’è “effetto lifting” che tenga.!!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...