"… Esplode lo spettacolo"

“La natura ha una sua perfezione sorprendente e questo è il risultato di una somma di limiti. La natura è perfetta perché non è infinita. Se uno capisce i limiti, capisce come funziona il meccanismo. Tutto sta nel capire i limiti. Prendete i fiumi, per esempio. Un fiume può essere lungo, lunghissimo, ma non può essere infinito. Perché il sistema funzioni, deve finire. E io studio quanto può essere lungo prima di finire. […]
Sono studi faticosi, e anche difficili, non si può negarlo, ma è importante capire. Descrivere. L’ultima voce che ho scritto è stata Tramonti. Sapete, è geniale questa cosa che i giorni finiscono. È un sistema geniale. I giorni e poi le notti. E di nuovo i giorni. Sembra scontato, ma c’è del genio. E là dove la natura decide di collocare i propri limiti, esplode lo spettacolo. I tramonti. Li ho studiati per settimane. Non è facile capire un tramonto. Ha i suoi tempi, le sue misure, i suoi colori. E poiché non c’è un tramonto, dico uno, che sia identico a un altro allora lo scienziato deve sapere discernere i particolari e isolare l’essenza fino a poter dire questo è un tramonto, il tramonto. Vi annoio?
Ann Deverià non si annoiava. Cioè: non più del solito.
Così adesso sono arrivato al mare. Il mare. Finisce, anche lui, come tutto il resto, ma vedete, anche qui è un po’ come per i tramonti, il difficile è isolare l’idea, voglio dire, riassumere chilometri e chilometri di scogliere, rive, spiagge, in un’unica immagine, in un concetto che sia la fine del mare…” (A. Baricco, Oceano mare, 1993)
 
È raro che un romanzo possa piacermi
dalla prima all’ultima riga.
Ogni romanzo vive di e per alcuni momenti isolati di bellezza etica ed estetica.
Oceano mare ne contiene squarci straordinari, ma lo sperimentalismo avanguardistico, che attraversa soprattutto il libro secondo e terzo e che costringe il povero lettore ad eseguire l’analisi logica per capire, che adatta parossisticamente il contenuto alla forma, con una uterina attenzione alla disposizione grafica dei segmenti testuali, mi fa ritrarre le antenne dell’attenzione e dell’interesse.
Però i rari momenti di poesia(di stile e contenuto) assolvono le mende(almeno per me!).
 
Anche noi, probabilmente, siamo come i fiumi di Bartleboom, come i tramonti, come il mare.
Mi piace crogiolarmi in questa ipotesi.
L’Oceano è nel mare dei nostri limiti.
 

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in prosa poetica, zibaldone. Contrassegna il permalink.

17 risposte a "… Esplode lo spettacolo"

  1. gipsyqueen ha detto:

    Mel, io sto spesso a domandarmi se Baricco come scrittore sia o non sia un bluff.
    Però Oceano Mare, così come Castelli di Rabbia, mi è piaciuto moltissimo.

    Mi piace

  2. Raymond ha detto:

    non è mica male l’idea di costringere chi legge, se vuol capire, a cimentarsi nell’analisi logica.
    Non ho letto il libro, sarà uno dei miei prossimi acquisti, forse perchè a forsa di compilare celle excel sono un pò arrugginito con la grammatica. O forse perchè in fondo, bene o male, sui tramonti abbiamo sempre tutti qualcosa da dire o da imparare.
    Poi pensavo ad “Oceano” di Faber … a come si combinerebbe con un tramonto, ma la farei troppo lunga e per essere lunedì sono già abbastanza ar minchiam 🙂

    Mi piace

  3. Raymond ha detto:

    e ti pareva che non sbagliassi sul finale .. 😀

    Mi piace

  4. melchisedec ha detto:

    @Gipsy, non conosco abbastanza Baricco per dare un “giudizio”, ma non mi appassiona, se non isolatamente.
    🙂

    @Ray, nel romanzo, parte seconda e terza, Baricco scimmiotta una “specie” di flusso di coscienza che mette a dura prova la pazienza del lettore… da qui l’analisi. Se mai fosse utile… a capire.
    🙂

    Mi piace

  5. lamaratonetaGio ha detto:

    Ho letto questo libro nel 1998 e mentre i miei occhi scorrevano sulle pagine, la voce del mare che usciva da esse mi ha tenuto compagnia.
    Hai letto Seta?
    Mi permetto di consigliartelo.
    Buona serata.

    Mi piace

  6. Ombraserena ha detto:

    io preferisco l’ Ode all’Oceano di Isadore Ducasse de Lautreamont.

    Mi piace

  7. Villino ha detto:

    ho solo cambiato veste

    Mi piace

  8. melchisedec ha detto:

    #Ombra, non è un granchè il romanzo… tranne isolette. 🙂

    Mi piace

  9. marzia ha detto:

    Capperi Mel ho tre post da leggere.
    Mi dai un pò di tempo , vero?
    Tra l’altro ho intravisto Seneca e la tua analisi.
    Ciao!

    Mi piace

  10. utente anonimo ha detto:

    Fa troppo caldo Mel..non ho letto Baricco ma quel pezzo che hai postato mi piace e mi piace credere che noi siamo come i fiumi di Bartlebom,come i tramonti,come il mare..
    daphnee
    continuo ad avere problemi con splinder,spero di non stancarmi..:(
    daphnee

    Mi piace

  11. marzia ha detto:

    Mi fermo al primo rigo, abbia pazienza.
    La natura ha una sua perfezione sorprendente e questo è il risultato di una somma di limiti. La natura è perfetta perché non è infinita
    Però i frattali che lasciò Harmonia tempo fa danno il senso di infinito.
    🙂

    Mi piace

  12. marzia ha detto:

    Mel, a me Splinder da ora problemi di apertura dei blog.E di navigazione.
    Sarà colpa dei problemi energetici?

    Mi piace

  13. Raymond ha detto:

    Marzia in questi giorni su Splinder può succedere di tutto, credimi !
    per gli asini come me è meglio studiare l’analisi logica 🙂

    Mi piace

  14. melchisedec ha detto:

    @Ora Splinder sta proprio esagerando! Sono con voi, Daphnee e Ray(ma che asino, smettila!).
    🙂
    @Tranquilla, Marzia! 🙂 Se non hai tempo, no problem, avrai di meglio da fare. BENTORNATA!

    Mi piace

  15. marzia ha detto:

    Grazie Mel!!

    Mi piace

  16. marzia ha detto:

    Ah ecco sperimentalismo avanguardistico è una bella definizione per il romanzo e il suo autore.
    Non l’ho mai sopportato quel suo minimalismo..tranne che per quel piccolo testo dal quale fu tratto ( non sarà mica il libro che citi?) quel fantastico film che è “La leggenda del pianista sull’oceano”.
    Lo hai visto Mel?

    Mi piace

  17. melchisedec ha detto:

    Non l’ho visto. Non saprei dirti. Intanto una mia collega se lo squaglia in bocca… Baricco.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...