Il carbonio come carbonio, le parole come parole

Fu colto dal vento, abbattuto al suolo, sollevato a dieci chilometri. Fu respirato da un falco, discese nei suoi polmoni precipitosi, ma non penetrò nel suo sangue ricco, e fu espulso. Si sciolse per tre volte nell’acqua del mare, una volta nell’acqua di un torrente in cascata, e ancora fu espulso. Viaggiò col vento per otto anni: ora alto, ora basso, sul mare e fra le nubi, sopra foreste, deserti e smisurate distese di ghiaccio; poi incappò nella cattura e nell’avventura organica.
Il carbonio, infatti, è un elemento singolare: è il solo che sappia legarsi con se stesso in lunghe catene stabili senza grande spesa di energia, ed alla vita sulla terra(la sola che finora conosciamo) occorrono appunto lunghe catene. Perciò il carbonio è l’elemento chiave della sostanza vivente[…]
Ma c’è di più e di peggio, a scorno nostro e della nostra arte. L’anidride carbonica, e cioè la forma aerea del carbonio[…]
Questo gas che costituisce la materia prima della vita[…] non è uno dei componenti principali dell’aria, bensì un rimasuglio ridicolo, un’<<impurezza>>, trenta volte meno abbondante dell’argon di cui nessuno si accorge[…]
Da questa sempre rinnovata impurezza dell’aria veniamo noi: noi animali e noi piante, e noi specie umana, coi nostri quattro miliardi di opinioni discordi, i nostri millenni di storia, le nostre guerre e vergogne e nobiltà e orgoglio.
(Primo Levi, Il sistema periodico, 1975)
 
(Quasi quasi, dopo la lettura de “Il sistema periodico”, mi è venuta voglia di riprendere in mano il mio libro di chimica, ma non vi scorgerei la maestria narrativa di Primo Levi, autore che i luoghi comuni dell’ignoranza associano solo ed esclusivamente all’esperienza nazista.)
 
Calvino, un anno prima, scriveva:
<< Così decifrando il diario della melanconica (o felice?) collezionista di sabbia, sono arrivato a interrogarmi su cosa c’è scritto in quella sabbia di parole scritte che ho messo in fila nella mia vita, quella sabbia che adesso mi appare tanto lontana dalle spiagge e dai deserti del vivere. Forse fissando la sabbia come sabbia, le parole come parole, potremo avvicinarci a capire come e in che misura il mondo triturato ed eroso possa ancora trovarvi fondamento e modello.
(Italo Calvino,Collezione di sabbia (1974), in Saggi)
 

12 pensieri su “Il carbonio come carbonio, le parole come parole

  1. Rifletto sulla metafora…impurezza vista dagli occhi di un chimico.
    Sai Mel, una volta mio marito ( chimico) mi affidò questa riflessione.
    Davanti ai miei stupori per i colori affascinanti dell’autunno mi fece notare che derivavano dalla putrefazione.
    La bellezza e la seduzione dalla decadenza.
    Che ne dici?

    "Mi piace"

  2. Carbone, sabbia…dopotutto sta scritto che polvere siamo e polvere torneremo. Dietro la bellezza stanno processi organici terribili. E sia Kant che Fabrizio De André dicevano: dai diamanti non nasce niente. Con tutto quel che ne segue. Fine metafora, egregio prof.

    "Mi piace"

  3. un ‘rimasuglio ridicolo’ che oggi però l’uomo produce in quantità industriale e che potrebbe crearci qualche serio problemuccio….Mi hai fatto venir voglia di rileggere quel libro di Primo Levi. Ciao. Alain

    "Mi piace"

  4. Continuano a morirmi le piante, di ogni genere, e continui a parlare di autori che amo, dopo Primo Levi e Calvino, che in assoluto è il mio preferito da sempre, potevi metterci marquez ed avrei cominciato a preoccuparmi!

    Baci

    "Mi piace"

  5. Nascita, morte, due facce di un unico processo: la trasformazione. E’ un’ottica difficile da “digerire” e noi possiamo solo godere dell’epifania della prima e del dolore della seconda, ma siamo esseri umani! Limitati.
    Mi piace l’idea che noi umani abbiamo molto in comune con quella menta!
    🙂
    E anche col peperoncino!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...