Gennaio a mezzodì

 

Un mezzogiorno di gennaio a mare.

Nero minaccioso, pioggia, nessuna possibilità di luce.

Ma lì, in mezzo al mare, un’oasi.

L’annuncio che un varco c’è.

 

Una creatura fiorisce il mare.

Corolle di nubi spetalano chiazze di luci e ombre.

Gibigiana di accadueo volteggia.

Chi ha acceso un fuoco?

Le onde, avvoltolate dalla vanga del vento, luccicano come guazza ancora fresca.

Squame d’acqua si contorcono come magma.

Un capidoglio si disegna.

Oh prodigio!

Occhi, da un dirupo, scrutano minacce tra grigio perla di mare e di cielo.

D’un tratto le nubi si stracciano in doglie di forma spasimando silenziose.

Una curva acceca la vista e inabissa l’evanescenza.

 

Non ho trovato un’immagine adeguata per il post, però.

 

***

Fioriscono sul web iniziative di scrittura bloggara; ne propone una

CASTORETPOLLUX.

Il tema è IL PRIMO APPUNTAMENTO.

Si può fare.

Così per gioco, per conoscersi di più ed estendere la trama delle relazioni sul web.

E a proposito di appuntamento… giova ascoltare questa canzone sempreverde.

QUI.

 

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. lauraetlory
    Gen 15, 2009 @ 11:52:00

    Tanto di cappello al duo Consoli-Vanoni. Ma potendolo fare, mi sono scelta come sottofondo di lettura Mare d’Inverno, nella versione originale di Enrico Ruggeri.
    😉
    lory

    Mi piace

    Rispondi

  2. castoretpollux
    Gen 15, 2009 @ 12:55:00

    Del resto…

    Il mare d’inverno è un concetto che la mente non considera… 🙂
    Il cantante poeta…un grande!

    Bella la poesia! Poichè vivo e adoro il mare non posso che compiacermene.

    Mi piace

    Rispondi

  3. latendarossa
    Gen 15, 2009 @ 14:59:00

    Il testo sul mare d’inverno mi ha fatto pensare a Dino Campana. Inutile dire che adoro Campana…
    Il primo appuntamento, eh? Vediamo un po’…

    Mi piace

    Rispondi

  4. flalia
    Gen 15, 2009 @ 18:31:00

    Che descrizione potente 🙂 L’immagine che non hai messo nel post è già nelle parole, sono “visive”.

    Mi piace

    Rispondi

  5. timeline
    Gen 15, 2009 @ 20:20:00

    …poesia liquida…

    Blue

    Mi piace

    Rispondi

  6. ClotildeBlog
    Gen 15, 2009 @ 22:22:00

    Bellissima e struggente.

    Mi piace

    Rispondi

  7. flaviablog
    Gen 15, 2009 @ 23:06:00

    “Il mare d’inverno”, mi piace cantata dalla Bertè.

    Mi piace

    Rispondi

  8. melchisedec
    Gen 16, 2009 @ 06:55:00

    Avrei dovuto avere la digitale con me in quel momento di “epifania” del mare, Flalia, ma non l’avevo.
    Ho scritto il testo un sacco di volte, l’ho rimaneggiato, ma non so se si è capito il senso, che non è sentimentale.
    Solo la visione di un attimo.

    Mi piace

    Rispondi

  9. timeline
    Gen 16, 2009 @ 09:31:00

    [si è capito benissimo]

    Blue

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Gen 17, 2009 @ 07:02:00

    Blue cara, ho avuto un momento di perplessità, considerato che nei commenti precedenti si parla di canzoni e preferenze.

    Mi piace

    Rispondi

  11. lauraetlory
    Gen 17, 2009 @ 13:01:00

    Chiedo venia per aver innescato la querelle musicale ma i tuoi bei versi mi hanno fatto tornare alla memoria la vecchia canzone 😉
    Lory

    Mi piace

    Rispondi

  12. melchisedec
    Gen 17, 2009 @ 16:50:00

    @Lory, anch’io con la Vanoni e la Consoli ho acceso la miccia musicale.

    Mi piace

    Rispondi

  13. Sinforosa72
    Gen 19, 2009 @ 21:04:00

    eh, al mare si sopporta anche gennaio 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: