Spostamenti semantici

evaristo_baschenis_004_strumenti_musicali_1675

Spostamento semantico
Sanremo 2010 Legittimo, contestuale, innocuo
ballerina passerotta
bella donna passera
topolona ballerina nuda


Spostamento semantico
Politica 2010 Illegittimo, a-contestuale, nocivo
ladri ragazzacci
delinquenti birichini
birbantelli sciacalli
Pregevole l’articolo di Ceccarelli pubblicato su La Repubblica di venerdì scorso; stamani il sito definisce trash l’esclamazione della Clerici sulla Cuccarini.
Quale spostamento è più scandaloso?
Le parole sono come pietre.
Ha detto qualcuno.
(L’opera, datata 1675,  è di Evaristo Baschenis)

14 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. latendarossa
    Feb 21, 2010 @ 12:15:00

    Le parole sono importanti, Mel. Io personalmente ho trovato nonsense la puntata conclusiva di ieri sera, tra bande dei carabinieri che eseguivano Star Wars (???), Costanzo che si mangiava le parole, Bersani col capo chino, il trio ad un passo dal vincere il festival. Tutto molto surreale, tutto molto italiano.

    Mi piace

    Rispondi

  2. latendarossa
    Feb 21, 2010 @ 12:15:00

    Le parole sono importanti, Mel. Io personalmente ho trovato nonsense la puntata conclusiva di ieri sera, tra bande dei carabinieri che eseguivano Star Wars (???), Costanzo che si mangiava le parole, Bersani col capo chino, il trio ad un passo dal vincere il festival. Tutto molto surreale, tutto molto italiano.

    Mi piace

    Rispondi

  3. flalia
    Feb 21, 2010 @ 12:21:00

    Indubbiamente il secondo è ben peggiore del primo, anche considerato il contesto, anche se detesto quel tipo di spostamento per definire le donne. Ma dalla Clerici accetto di tutto, mi piace un sacco, quel po’ di Sanremo che ho guardato l’ho guardato per lei… 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  4. Kappadue72
    Feb 21, 2010 @ 15:07:00

    In una mondo dove la comunicazione supera la realtà dei fatti, bisogna senz’altro stare attenti all’uso delle parole, perchè noi non siamo come gli antichi aborigeni australiani che cantavano il mondo con parole creatrici, bensì vogliamo usare la parola per ingannare.

    Mi piace

    Rispondi

  5. tresnovios
    Feb 21, 2010 @ 15:53:00

    C’è sempre da imparare ed aggiornarsi. La chiarezza semantica sta diventando urgenza sociale, ma forse l’intenzione è mantenere uno stato di confusione in cui  proprio l’ambiguità magicamente copra vuoti e  misfatti.Buona domenica!

    Mi piace

    Rispondi

  6. Raymond
    Feb 21, 2010 @ 16:57:00

    In certi eventi credo che certi spostamenti semantici siano non solo consentiti, ma anche incoraggiati dagli autori che conoscono i tempi e i meccanismi per innescare cariche astute, ovvero idonee a far subito un bel botto senza effettivo poi colpo ferire (tranne che sui prezziari degli inserzionisti pubblicitari) Sbaglierò …

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Feb 21, 2010 @ 19:26:00

    Lo spostamento sciacalli/birbantelli frantuma il legame tra la Legge e il Godimento; in termini più chiari… non c’è vergogna, senso del limite, tutto è apertamente giocato e messo in campo, purchè si eserciti illimitatamente il godimento.
    Nelle battute spiritose si trova il senso profondo del discorso del Capo.

    Mi piace

    Rispondi

  8. Alderaban
    Feb 21, 2010 @ 19:53:00

    ‘aspita….
    ti assenti un attimo ( a proposito , ben ritrovato/i) e ti cambiano il vocabolario!
    Caro Prof,  i tempi di oggi  corrono davvero veloci

    Mi piace

    Rispondi

  9. sisempre
    Feb 21, 2010 @ 20:35:00

    forse mi sono persa un pezzetto di quotidianità dimenticando di accendere la tv …. ma scappavo da notizie che mi sembrano sempre meno incoraggianti e cerco coraggio in letture su cui attingere speranze per il futuro.

    Mel, a volte ho l’impressione che sia tutto un brutto sogno, ma o non riesco a svegliarmi, o non trovo il tasto off … o forse è più dura che mai ma occorre impegno ancora ed ancora ed ancora …

    intanto grazie!!

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Feb 22, 2010 @ 10:45:00

    @Alde, pare così; oltre che le parole cambiano i significati, o meglio l’attribuzione etica che si dà alle parole.
    Bentrovato tu!

    @Grazie a te, Sisempre, per l’attenzione. Non ci si può "chiudere", anche se la tentazione c’è.

    Mi piace

    Rispondi

  11. pandora20
    Feb 22, 2010 @ 10:46:00

    Hai ragione mel, si cercano parole per rendere lecito l’illecito, non c’è più il senso della vergogna, si chiamano birichinate le azioni più deplorevoli e, purtroppo questo atteggiamento, dalle alte sfere, scivola nella nostra vita quotidiana, nelle famiglie, scompaginando i parametri di riferimento e affossando i valori più elementari. Buon inizio di settimana.

    Mi piace

    Rispondi

  12. melchisedec
    Feb 23, 2010 @ 06:49:00

    @A scuola, Pandora, nella miriade di stupide, sterili e mercenarie attività, è possibile fare esperienza di parole. Anche a costo di perdere tempo.

    Mi piace

    Rispondi

  13. timeline
    Feb 23, 2010 @ 20:11:00

    Ho letto Ceccarelli e la desolazione è tanta…non aggiungo altro..

    Blue

    Mi piace

    Rispondi

  14. melchisedec
    Feb 23, 2010 @ 20:59:00

    @In effetti, Blue, non c’è spazio per altri sentimenti.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: