Dei Cosini


irti

Poi me ne pento.

Zeno Cosini soffre di vuoto ontologico.
Agli allievi, stamani, ho rimarcato questo concetto.
Per me è stato naturale affermare che tutti, in qualche modo, siamo dei Cosini alla ricerca di un contatto con la parte più profonda di noi stessi.
Il timore più ossessionante è il dislivello tra la superficie della volontà e l’abisso incommensurabile di tutto ciò che potremmo e/o vorremmo essere.
Non è un quesito cui si può dare una risposta immediata.
Io non ne ho, né mi va di alimentare cieche speranze.

Ma per dei ragazzi di diciotto anni che s’affacciano alla vita non è bolo facilmente digeribile.
Né è gradevole sentirselo dire a ventiquattrore dalla partenza per Parigi.
Eppure non ci si può sottrarre alla responsabilità di ciò che si insegna.
Ho sempre detestato chi ricerca e mente.
Non bisogna mentire ai ragazzi, né turlopinarli con banalizzazioni e volgarizzamenti fallaci.
Che poi ciascuno di noi possa colmare il vuoto della ricerca con il quotidiano sublimato, i passatempi, l’amore, l’eros e così via fatti propri.
Io ricette non ne ho e non ne do.

Domattina volo per Parigi.
Ci si rilegge fra qualche giorno.

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in onestà intellettuale, zibaldone. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dei Cosini

  1. flalia ha detto:

    Pur senza disilludere, fai bene a non turlupinarli; tanto prima o poi, per quanto si cerchi di fuggire arriva sempre il momento in cui si deve affrontare se stessi senza infingimenti. Mi viene in mente un bellissimo romanzo di Pontiggia: La grande sera. Lo consiglio, mi ha davvero impressionata, grande letteratura e grande scavo umano.Buona gita, Mel, confesso che mi mancheranno i tuoi post ma mi consolerò pensandoti nella splendida Parigi con i tuoi alunni. Ciao! 🙂

    Mi piace

  2. latendarossa ha detto:

    Zeno Cosini è stato uno dei miei eroi dell'adolescenza, personalmente ho letto e riletto tante – troppe! – volte La coscienza al punto di ricordarne interi passi a memoria. Rimane tutt'oggi uno dei miei romanzi preferiti. Capisco peòr che a quell'età – e a meno 24 ore da Parigi – sia dura da mandar giù. Buon viaggio, divertiti e fai taaaante foto.

    Mi piace

  3. melchisedec ha detto:

    @Grazie, Flalia! Anche per i buoni consigli di lettura. @Grazie, Marcello! Zeno è unico.

    Mi piace

  4. misti ha detto:

    Buona gita Mel …. aspetterò con curiosità il tuo ritorno … so che ci racconterai della ville lumière e so che osserverai dettagli interessanti …….A presto …..

    Mi piace

  5. Raymond ha detto:

    te lo immagini Zeno Cosini che canta la Marsigliese da sé…? anzi no, La Vie en Rose. Io si Mel sta attento, loro credono che la gramamtica francese sia migliore della nostra. Non litigare ! Divertiti 🙂 

    Mi piace

  6. pitagox2 ha detto:

    a Parigi   Cosini  diventa  Zenò Cosinì !!![a parte gli scherzi hai fatto bene a ricordare ai ragazzi la responsabilità di sé anche in gita, anzi soprattutto nella Ville Lumiere]  Ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...