Come semidei alati, con la leggerezza di chi sfila in passerella, due docenti americani hanno fatto il loro ingresso a scuola.
Grazie a un progetto insegneranno qualche materia scolastica in lingua inglese.
Giovanissimi e trendy, dinoccolati e magrissimi, sorridono come ebeti a chicchessia.
Jeans sdruciti, abbassati a mezza natica fino al punto che l’osservatore è in grado di individuare il colore dello slip o del boxer e il tipo di t-shirt.
Al loro passaggio nel corridoio, specialmente al cambio d’ora, le classi si riversano fuori dalle aule.
Ovunque un deliquio entusiastico.
A frotte le ragazze chiedono informazioni su chi siano i due boni, inseguono i malcapitati per le scale con l’intenzione di civettare, si augurano che quegli insegnanti facciano loro lezione, anche se non sanno di che.
In un fiat la scuola si è trasformata in una platea televisiva.
Mancavano lo spot e il televoto.
E la De…