Quarantotto contro tre

Tre, soltanto tre infermieri professionali si occupano di un padiglione di ortopedia e traumatologia per un totale di 12 stanze per 4 degenti ciascuna.
Il totale è 48.

Giustamente, nei confronti degli ammalati e dei parenti, il personale è sgarbato, quasi al limite della villania, schizzato, intrattabile.
L'ora riservata alla visita degenera in vendetta sotterranea: una volta si viene invitati a uscire per la terapia(ma non è l'ora delle visite-parenti?), un'altra per il vitto.
Poi scatta un'emergenza, accorrono il medico e l'anestesista e di nuovo fuori.
E poi siamo troppi nella stanza.
Insomma è un'ora odissiaca.
Per la tranquillità dell'ammalato stai zitto e non protesti.
Ti fingi deficiente, incapace di intendere e di volere, di leggere e di scrivere.
Gli fai credere che ignori l'esistenza della carta dei servizi.
E tutto questo soltanto per tre motivi: il personale ti consente di attardarti anche 20 minuti oltre il limite, vuoi la serenità del malato e, in fondo, che responsabilità diretta hanno gli infermieri, gli inservienti, i medici?

Tre, soltanto tre infermieri professionali si occupano di un padiglione di ortopedia e traumatologia per un totale di 12 stanze per 4 degenti ciascuna.
Il totale è 48.

6 thoughts on “Quarantotto contro tre

  1. Mi sgomenta , nella situazione attuale, ma in fondo è così in tutto il mondo, che non ci siano  soldi per la Sanità , la Scuola , l'Università, la Famiglia, il Teatro, il Cinema ( è di ieri la notizia di un  aumento della benzina a questo scopo, ma che fantasia !!)  , i Musei, …. e via dicendo; poi , quando si tratta di far volare i Tornado, i soldi ci sono, subito. 
    I motivi di amarezza in questi giorni si moltiplicano. Spero che tu non abbia visitato, in quel reparto, un tuo familiare. In questo caso, tutto il resto passerebbe in secondo piano, dato che ogni energia e risorsa verrebbe forzatamente utilizzata per far fronte all'emergenza salute. 
    Un abbraccio, 

    Ornella 

    Mi piace

  2. 3 infermieri per 48 pazienti, molti dei quali, immagino, non liberi nei movimenti anche per operazioni banali (banali per chi sta bene) è davvero oltre il tollerabile… mi dispiace! Il fatto che i parenti vengano fatti continuamente uscire per le visite dei medici o le terapie (anche se nell'orario di visita parenti, altra assurdità) è però una prassi comune, almeno si fa così anche qui, negli ospedali che conosco io e dove il rapporto infermieri-pazienti è accettabile. In bocca al lupo a chi conosci ed è ricoverato lì.

    Mi piace

  3. Sotto le ultime feste ho girato per un paio di ospedali, uno il regionale e l'altro il geriatrico. Soprattutto nel secondo, che rimane aperto ancora solo perchè ha la "stoke unit", ho visto tagli in ogni dove, persino sull'acqua minerale… (e per deformazione, pannelli dei controsoffitti tutti come al solito "imbarcati" … quanto sporco passa di lì…)  Ho potuto osservare senza invidia gli infermieri, alle 8 di sera con gli occhi fuori dalla testa, sopraffatti dalla stanchezza. Il giorno di capodanno li ho visti volare in corsia, ma c'era da star dietro anche a chi aveva abusato troppo (pensavo) e invece era il passo normale.
    Allucinante.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...