Gli alberi a vento

.
Io e i miei amici camperisti abbiamo lasciato Tindari e ci siamo diretti verso Agrigento, ma un intoppo al motore ci ha costretti ad una lunga sosta presso Cammarata.
Tira un vento afoso, ma piacevole.
Il paesaggio dell'entroterra è molto brullo, le colline sono del tutto gialle e il verde è stato già arso dalla calura di giugno.
Mentre si percorre la statale, non può sfuggire all'osservatore la presenza di "alberi stranissimi", la cui chioma è costituita da tre lunghi rami.
Sono i pali e le eliche mossi dal vento.
Nessuno si scandalizzi!
A mio parere non deturpano il paesaggio, anzi se fossero colorati sarebbero ancora più belli.
E certamente sono meno pericolosi delle centrali nucleari, nonostante qualche uccello migratore spesso vi abbia lasciato le penne, battendo violentemente sulle eliche.

12 thoughts on “Gli alberi a vento

  1. Sgarbi non sarebbe d'accordo con te … ma lascialo pure sbraitare. Ad esempio qui sono molto contestati (non so se pure da lui) alcuni ettari di terreno agricoli destinati ad impianti fotovoltaici. Per me sono uno spettacolo, e non vanno contro gli standars urbanistici… mentre si vorrebbe obbligare a posarli solo sopra le coperture dei fabbricati industriali… e su questo avrei invece molto da ridire, perchè non mi fido molto dei calcoli applicati ai carichi accidentali dopo che un opificio è stato eretto. A terra invece sono al sicuro, e le loro piccole chiazza di luce a scacchiera, ben orientate (e ordinate) danno davvero il senso relativo a "qualcosa di finalmente pulito".
     

    Mi piace

  2. Peccato che questi alberi di elettricità non ne producano affatto per un problema si immissione nella rete elettrica, e dietro la loro costruzione ci sia una corsa ad accaparrarsi fondi europei anche in modo illecito. Pare pure che le pale producano un aerosol di lubrificanti (necessario al loro funzionamento) che inquina il suolo retrostante le medesime.
    Non sono sicuro al 100% di queste informazioni… spero di essere smentito da qualcuno che ne sappia più di me, o di chi mi ha fornito queste informazioni.

    Mi piace

  3. In Toscana non ne abbiamo, mi sembra, quindi non posso esprimermi perché non ne ho mai visti. Ammetto però che non sono mai rimasta colpita dalla struggente bellezza elle centrali termoelettriche, che pure mi risultano di grande utilità quando a sera accendo la luce, il computer e la lavatrice…

    Mi piace

  4. caro mel, il designer che ha inventato i pali meriterebbe un premio, perchè è riuscito a trasformare una cosa brutta in una cosa bella. io li ho appena visti in sardegna, entroterra gallurese, e sono un ornamento dei monti.  li ho visti anche sui Velebit, i monti  della costa croata che si specchiano nel canale della Morlacca, zona ventosissima.  Sono quasi una trina  sottile, visti in lontananza. sono contenta che almeno sull'estetica la pensate come me! Ombraserena.

    Mi piace

  5. @Murasaki, fanno un bell'effetto i pali, in Sicilia ce ne sono molti, ma a quanto pare si limitano a "ornare", non a produrre energia.

    @Ombra, che piacere! ieri ho cliccato sul tuo link e ho visto che hai chiuso il blog. Condivido: i pali eolici abbelliscono il paesaggio. Specie se brullo.

    Mi piace

  6. Caro Mel: ho chiuso il blog di Ombraserena, ma dallo scorso settembre ne tengo un altro  intitolato Miniblog,  col nick Prettyvivian, sempre in Splinder.  E' un blog non blindato  per cui se hai tempo puoi trovarlo in google. Però ti dico subito che la mia vita dell'ultimo anno non è  niente di che.  Ombraserena.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...