Nel post precedente si parlava di ferro per le piante; giusto che è estate e una parte di essa la trascorro a casa, credo infatti che sia uno dei periodi più adatti a sfruttarne gli angoli, a rinnovarli, e perché no a fare un po' di manutenzione e di provviste, ho deciso, quest'anno, di non gettare via neanche i resti dei pomodori adoperati per le conserve e, a differenza di ciò che è avvenuto negli anni passati, e cioè che gli scarti della pulitura sono finiti nelle fauci dei maiali di un amico di famiglia, ho interrato in un vaso abbastanza capiente i peduncoli, le parti marce e le spoglie dei pomodori, allo scopo di produrre un po' di fertilizzante vegetale; sono soltanto preoccupato per l'effetto delle parti verdi, infatti da una ricerca effettuata ho appreso che esse contengono una sostanza tossica per l'uomo, la solanina. Alle piante però non dovrebbe arrecare alcun danno, spero. I maiali, da quanto so, sono vivi e vegeti, anche se qualcuno è diventato ormai salsiccia o salame.
Certamente occorrerà del tempo, perché avvenga la metamorfosi.
Vuoi vedere, invece, che spunterà anche una piantina di pomodoro?
È sicuro che almeno un semino deciderà di mettere radici invece di marcire a dovere.
La cosa non mi dispiacerebbe proprio.