Ottiche

Le meschinerie di appena 13 giorni di scuola

Sul versante docenti…
 
Sventolare motivazioni ideali e filosofiche per giustificare e coprire meri interessi personali.
Puntare i piedi come i bambini capricciosi e buscarsi una malattia di 5 gg. come forma di protesta contro chi confeziona l’orario di servizio.
Fingere di star male e recarsi al pronto soccorso per sottrarsi alla supplenza nella classe terribile.
Allagare di inchiostro il registro di classe per annotare comportamenti non corretti degli alunni, senza essersi accertati preventivamente dei fatti, avere ascoltato buoni e cattivi e soppesato saggiamente soluzioni meno estemporanee e più costruttive.
Abusare delle ore di permesso da recuperare che non si recupereranno quasi mai nella propria classe.
Arrivare a scuola cronicamente in ritardo, almeno 10-15 minuti dopo il suono della campanella(A quando il badge?).
Entrare in classe con 5-10 minuti di ritardo spesi in lamentele, sindacazioni peregrine, pettegolezzi.
 
Sul versante bidelli…  
 
ottica Sentirsi sempre parte lesa, sfruttata, maltrattata.
Ingigantire ogni minimo problema.
Ostacolare l’organizzazione didattica.
Fingere di pulire aule e arredi.
Chiedere permessi a pioggia.
 
I migliori, al solito, chi sono?
I nostri ragazzi.

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. timeline
    Set 27, 2011 @ 20:56:00

    …e dire che noi adulti dovremmo essere esempio visto che siamo anche e per prima cosa educatori…

    caro Mel…anche da me succedono cose inguardabili e inaccettabili…e mi rendo conto quanto sia fondo il degrado che ci ammorba.

    non perdiamoci d'animo

    Blue

    Mi piace

    Rispondi

  2. povna
    Set 27, 2011 @ 22:22:00

    caro Mel, mentre leggevo, ho pensato fossimo colleghi… poi ho letto del badge, e ho capito che no (ma purtroppo non serve, vedi il caso della nostra Medusa…)
    La verità è che la mamma dei piùcheretti è sempre incinta. E pure quella dei fancazzisti, a giudicare dai custodi…

    Ma soprattutto, sottoscrivo, sempre, comunque e con il sangue, la frase finale!

    Mi piace

    Rispondi

  3. gipsy2007
    Set 28, 2011 @ 15:12:00

    Mi hai suggerito qualche soluzione…
    Scherzi a parte, riguardo la frase finale, io non ne sono troppo convinta…quelli ne sanno di più raffinate…

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Set 28, 2011 @ 15:49:00

    Anche i ragazzi possono comportarsi  rispettando non sempre  regole scolastiche ed educative, ma il punto di vista del docente, a mio parere, deve essere sempre "superiore" rispetto alla loro ottica di esseri umani in crescita e con molte difficoltà; possono far scaturire in noi sofferenza e insofferenza, fastidio, malessere, ma sono meno organizzati degli adulti nelle loro azioni. 
    O forse m'illudo.

    Mi piace

    Rispondi

  5. povna
    Set 28, 2011 @ 17:28:00

     No, Mel, non ti illudi. La questione, banale, sta nella nostra definizione stessa di educatori, mentre loro sono appunto, educandi. Ancora per poco, progressivamente sempre assumendo una maggiore responsabilità individuale, i ragazzi sono lì per sbagliare e cambiare. But who watches the watchers?!

    Mi piace

    Rispondi

  6. utente anonimo
    Set 28, 2011 @ 18:05:00

    Non bastava "quis custodiet custodes" (l'ho scritto giusto ? mah!) ?

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Set 29, 2011 @ 07:17:00

    Così è.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: