Materiale di facile consumo(e spreco)

Io che sono tendenzialmente un topo rovistatore, frugando tra i cassetti della scrivania del posto di comando per mettere un po' d'ordine tra permessi brevi, elenchi di alunni, graduatoria d'istituto e quant'altro di burocrazia, ho scoperto che si possono ancora utilizzare 4 gomme, due temperamatite, 9 matite, 10 biro tra rosse, blu e nere, un pennarello blu, un evidenziatore giallo, elastici di varia misura. In attesa del nuovo materiale di facile consumo, ho distribuito il vecchio al personale, dopo essermi accertato che l'inchiostro non si fosse prosciugato e avere temperato almeno 5 delle 9 matite, tra semi-nuove e mozziconi. Ho poi suddiviso in due parti i fogli in A4 già stampati, ma inutilizzabili per un'ulteriore stampa di documenti, per farne carta da appunti. In un'ora e mezza ho potuto riordinare soltanto un cassetto. Agli altri provvederò fra giorni.

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. MIRABILIA200
    Set 28, 2011 @ 16:12:00

    Un vero e proprio vaso di Pandora.

    Mi piace

    Rispondi

  2. povna
    Set 28, 2011 @ 18:33:00

    piatto ricco, mi ci ficco. nei cassetti della nostra vicepresidenza solo ragnatele e topi…

    Mi piace

    Rispondi

  3. altarf
    Set 28, 2011 @ 22:18:00

    Caro Melchisedec, 

    mi hai strappato un sorriso! Sapessi quanti cassetti e quanti armadi ho riordinato nella mia carriera scolastica. E quanti pastelli, matite, pennarelli , gomme…… ho raccolto!! Fa fede la famosa legge: nulla si crea e nulla si distrugge!

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Set 29, 2011 @ 07:19:00

    @Mirabilia, proprio vaso no, mi accontento. 

    @Povna, di solito è come dici. Un minimo di ordine ci vuole. 

    @Bene, Altarf! 

    Mi piace

    Rispondi

  5. Selengiulia
    Set 29, 2011 @ 07:56:00

    regola base del riuso: aprire vecchi armadi e soffitte…e nel tuo caso, cassetti!
    Buona GiornataXD

    Seya

    Mi piace

    Rispondi

  6. anto561
    Set 29, 2011 @ 21:46:00

    Rovistando nei cassetti lasciati dai vecchi prof andati in pensione (o andati proprio…) non avete idee delle riflessioni sulla vanità dei tempi si fanno.
    Si trovano cose preziose conservate come reliquie, ed ormai totalmente inutili, al punto di far fatica a capirne nomi ed uso.
    In uno di questi ho trovato un prezioso esempio di regolo calcolatore a sviluppo non linerae ma cilindrico, che permetteva di fare calcoli più complessi e precisi di quelli convenzionali.
    Per non parlare di carta millimetrata in coordinate polari invece che x ex y, ed altre cose un tempo assolutamente preziose ed indispensabili, e che oggi stento a capire a cosa servissero.
    Avrei lo spirito del consevatore museale : conservo ancora tutti i computer (funzionanti) dal 1984…almeno fino al prossimo trasloco di sede.

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Set 30, 2011 @ 18:37:00

    @Seya, mi è sempre piaciuto mettere ordine tra il caos, infatti scopro sempre cosette interessanti.

    @Anto, complimenti! 

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: