Pollice in su

Ho notato che nella mia nuova prima, dove mi tocca strizzarli in latino e geostoria, i maschietti usano il pollice in su per comunicare "assenso" e per dire "ho capito", sia per una spiegazione particolarmente astrusa, sia per un rimprovero, di cui hanno compreso il motivo.
Inizialmente ero lì lì per rimproverarli e invitarli a usare le parole.
Però devo dire che il pollice in su è d'impatto.
Rende benissimo l'avvenuto feedback della comunicazione.
Per il momento soprassiedo, rimandando eventualmente in altro momento la strizzatina.

Che ne pensate?

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. tenebraetenebrae
    Ott 11, 2011 @ 15:02:00

    è immediato, senza fronzoli. E non ha bisogno di ulteriori chiarimenti.

    Pollice su

    t&t

    Mi piace

    Rispondi

  2. GinoCerutti
    Ott 11, 2011 @ 17:30:00

    E' un'eredità di quella cultura latina che insegni loro.
    Fatta propria, tra gli altri, dall'indimenticato e indimenticabile Fonzie.
     

    Mi piace

    Rispondi

  3. Kappadue72
    Ott 11, 2011 @ 18:49:00

    Sempre meglio dell occhei.

    Mi piace

    Rispondi

  4. Kappadue72
    Ott 11, 2011 @ 18:50:00

    Mi è sfuggito un apostrofo!

    Mi piace

    Rispondi

  5. povna
    Ott 11, 2011 @ 19:18:00

    Caro Mel: lo uso sempre anche io! ho iniziato quando era assediata all'intervallo dalla massa degli ex alunni che mi raccontava/chiedeva/diceva. Ed era una modo per dire rapidamente: "ok, ho registrato". Ora lo uso anche in classe per lo stesso motivo. Esempio: qualcosa che non va; occhiataccia; alunno smette, io faccio il pollice. Il tutto continuando a spiegare!

    Mi piace

    Rispondi

  6. anto561
    Ott 11, 2011 @ 19:32:00

    Va bene tutto, se serve per comunicare in modo efficiente. Poi, con gli studenti coi quali vivi giornate, si fraterrnizza un po' per forza.

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  7. utente anonimo
    Ott 11, 2011 @ 21:20:00

    Assolutamente d'accordo con il lasciar fare. 😉

    Mi piace

    Rispondi

  8. Raymond
    Ott 11, 2011 @ 21:43:00

    Visto che quasi di bambini ancora si tratta, a me viene il sospetto che nella sostituzione della forma verbale con quella del gesto, si possano nascondere reminiscenze di timidezza, o al contario, un patto "carbonaro" per tenerti per il momento a debita distanza. Ancora ti "temono" caro prof … ! 🙂 

    Mi piace

    Rispondi

  9. povna
    Ott 12, 2011 @ 15:59:00

    OT: come è andata?! io per ora mi sono affidata al grande Schulz!

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Ott 12, 2011 @ 20:38:00

    Domani ne parliamo, cara Povna. 

    Mi piace

    Rispondi

  11. povna
    Ott 12, 2011 @ 20:48:00

    sì, domani o al massimo dopo finisco di scriverci sopra con calma anche io!

    Mi piace

    Rispondi

  12. gipsy2007
    Ott 16, 2011 @ 18:24:00

    Mi sembra indice di motivazione.

    Mi piace

    Rispondi

  13. melchisedec
    Ott 16, 2011 @ 19:12:00

    @Bene, Gipsy, ne terrò conto.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: