Addio a Zanzotto

«Ora il sereno è ritornato le campane suonano per il vespero ed io le ascolto con grande dolcezza. Gli ucelli cantano festosi nel cielo perché? Tra poco e primavera i prati meteranno il suo manto verde, ed io come un fiore appasito guardo tutte queste meraviglie.»
SCRITTO SU UN MURO IN CAMPAGNA

scansione0004
Per il deluso autunno,
per gli scolorenti
boschi vado apparendo, per la calma
profusa, lungi dal lavoro
e dal sudato male.
Teneramente
sento la dalia e il crisantemo
fruttificanti ovunque sulle spalle
del muschio, sul palpito sommerso
d'acque deboli e dolci.
Improbabile esistere di ora
in ora allinea me e le siepi
all'ultimo tremore
della diletta luna,
vocali foglie emana
l'intimo lume della valle. E tu
in un marzo perpetuo le campane
dei Vesperi, la meraviglia
delle gemme e dei selvosi uccelli
e del languore, nel ripido muro
nella strofe scalfita ansimando m'accenni;
nel muro aperto da piogge e da vermi
il fortunato marzo
mi spieghi tu con umili
lontanissimi errori, a me nel vivo
d'ottobre altrimenti annientato
ad altri affanni attento.
Sola sarai, calce sfinita e segno,
sola sarai fin che duri il letargo
o s'ecciti la vita.
Io come un fiore appassito
guardo tutte queste meraviglie
E marzo quasi verde quasi
meriggio acceso di domenica
marzo senza misteri
inebetì nel muro.
 (Andrea Zanzotto, da “Vocativo”, 1957)

5 thoughts on “Addio a Zanzotto

  1. E' una grande ed inevitabile (purtroppo) perdita, per quel Veneto dolce che ha espresso in molte sue cose.

    Vi prego, voi del sud a tinte forti, considerate che esiste anche questo Veneto, esistono ancora luoghi e persone cosi qui da noi, e non c'é  solo quello che finisce sui giornali per i suoi tristi personaggi.

    RIP, e che la terra ti sia lieve e dolce.

    Anonimo SQ

    Mi piace

  2. Grazie Melchisedec. Ho visto l'intervista a Zanzotto il giorno del suo novantesimo compleanno. Fragile, ma ancora lucido ed acuto. Magari tutti noi… 

    Ignorante come sono , mi interrogo sul legame tra la poesia  e lo scritto su un muro di campagna. 

    Mi piace

  3. @Altarf, non ho analizzato la poesia, per una volta me la gusto così come, musicalmente. 

    @Anto, da più parti ho letto che Zanzotto è una parte di Veneto che forse non c'è più.

    @Condivido, Minnelisa.

    Mi piace

  4. Se mai ti capiterà di visitare i luoghi nei quali viveva, vedrai ancora qualche squarcio di veneto "dolce".
    Anche nella tua terra madre, temo, sia rimasto poco della Sicilia di 50/70 anni fa.

    Una buona testimonianza di quella vita la trovi anche in "Libera nos a malo", che forse già conosci.

    D'altra parte, oggi la sola provincia di Treviso esporta quanto tutta la Grecia, in € : c'è un prezzo da pagare, per questo (anche i veneti sono familisti come i siciliani, vedessi che disastri, accanto magari a cose da fantascienza).

    Anonimo SQ

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...