Una madre coraggiosa


Ieri sera, come spesso capita, ho seguito “Chi l’ha visto”.
La trovo davvero utile come trasmissione.
Non ho mai conosciuto persone che ad un certo punto della loro vita vengono inghiottite dal nulla o peggio vengono fatte sparire.
Le storie raccontate, ad essere sincero, mi turbano assai, infatti m’è successo pure di non chiudere occhio per una notte intera proprio a causa di qualche vicenda che è stata raccontata dagli sceneggiatori del programma; contribuiranno sicuramente a ciò anche le colonne sonore di sottofondo e l’alone di mistero che attraversa tante storie.
Mi sono chiesto spesso se sarei capace di sparire volontariamente, mollare tutto e non lasciare più traccia di me; la risposta è negativa, ma a volte neanche possiamo immaginare quello che il futuro ci riservi e quali stravolgimenti possano in qualche modo farci perdere la testa.
Diverso è il caso delle persone scomparse perché vittime di qualcuno.
Da anni non trova adeguata soluzione quello di Elisa Claps.
Ieri sera, ancora una volta, la madre di Elisa ha chiesto “la verità”.
Stimo molto questa donna, la sua forza, il coraggio di dire senza mezzi termini quello che pensa.
Nonostante l’arresto di colui che viene ritenuto colpevole e il ritrovamento del corpo della ragazza, giustamente la famiglia Claps chiede “la verità”.
La madre di Elisa ieri sera ha detto una cosa importantissima: fin quando non sarà sciolto il groviglio di complicità legato alle gerarchie ecclesiastiche, quella chiesa continuerà a essere sconsacrata.
Non basta una benedizione per smacchiarsi l’anima o mondare una chiesa.
Sarebbe un rito di pura forma.

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. soggettivamente
    Apr 19, 2012 @ 21:50:49

    La scomparsa di persone, più o meno conosciute, generano una grande angoscia, un infinito turbamento. Ci si identifica, sollecitati dalla voce narrante o dalla drammaticità delle immagini, e ci si trova a vagare nel buio totale. Vivo un’identica sensazione quando si cerca la verità, e più sembra intravederla, tanto più questa sembra allontanarsi. Eppure, in queste circostanze, basterebbe che chi sa o chi ha visto, informasse. Occorrerebbe una grande dose di coraggio!

    Mi piace

    Rispondi

  2. ombrabionda
    Apr 20, 2012 @ 04:11:38

    Caro Mel, hai letto SOSTIENE PEREIRA? anche il vecchio dottor Pereira ad un certo punto fugge abbandonando tutto, in quattro e quattr’otto, ed è l’ultima persona che si crederebbe capace di prendere una decisione del genere…… io in un certo qual modo ammiro chi riesce a scrollarsi di dosso tutto, e ad essere veramente libero: anche dei propri soldi, della propria casa e delle proprie sicurezze ed abitudini, oltre che dei rapporti umani. Ombrabionda.

    Mi piace

    Rispondi

  3. kappadue72
    Apr 20, 2012 @ 13:20:41

    Io sono rimasto colpito dalle ultime rivelazioni sul caso Denise, dove pare che le indagini fossero state fin da subito depistate!

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Apr 20, 2012 @ 15:57:44

    @Invece, Soggettivamente, si tace.

    @Un gran traguardo, Ombrabionda, ma a volte basta un po’ d’equilibrio.

    @Kappadue, mi sono addormentato ad un certo punto…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...