Passaggio



La tentazione c’era tutta di non votare per le amministrative, ma il buon senso ha prevalso.
Com’è mio solito, mi sono recato al seggio alla buonora, quando ancora sono in atto le prove tecniche di sfilata di moda che si tiene inevitabilmente nei piccoli centri, quando si festeggia un evento.
Il nonno di una candidata –mi ha confessato- era innervosito per il fatto che la ragazza indugiasse ancora a casa, indecisa sull’abito da sfoggiare.
Anch’io mi sono infighettato, mimetizzando il mio sguardo sotto un bel paio di occhialoni da sole, che mi ha permesso di osservare i movimenti umani davanti al seggio, la mia vecchia scuola elementare.
Qualche candidato appostato nei pressi delle aiuole, sotto gli alberi, nei bar; gli sfrontati proprio davanti all’uscio della scuola.
Il tutto recitato davanti alla guardia di finanza e ai carabinieri.
Come se ciò fosse normale.
Ubriachi di gentilezza, dispensanti sorrisi e “tutto bene?”.

Il mio passaggio è stato celere, come quello di uno straccio di nubi nel cielo terso di maggio.

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in attualità, democrazia, silvae. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Passaggio

  1. ildiariodimurasaki ha detto:

    Il buonsenso ci vuole, perché è meglio votare un candidato un po’ andante che lasciare agli altri il piacere di votarne uno pessimo.
    E l’immagine dello straccio di nubi è bellissima ^__^

    Mi piace

  2. 'povna ha detto:

    Anche a me piace andare al seggio presto, con occhiali scuri e giornale in mano. A questo giro, qui niente. E poi vediamo.

    Mi piace

  3. ornella ha detto:

    Simpaticissima descrizione. Ho seguito il tutto come vedessi un film. Qui da me non si vota. Anche noi , come ‘povna , aspettiamo. Non ho mai conosciuto i candidati di persona , tranne in un caso, quando una mia alunna era nientemeno che la figlia del sindaco uscente, che venne rieletto per un secondo mandato. Perciò di solito mi trovo a votare per il simbolo , più che per la persona.
    E per fortuna qua non ci sono processioni di eleganza!!! Di solito mi reco al seggio in bici, e poi vado a farmi un bel giro per la campagna !

    E dopo questo sproloquio, bravo Mel che ci hai ripensato! Pure io dico che l’immagine dello straccio di nubi è suggestiva !!

    Mi piace

  4. melchisedec ha detto:

    Grazie, cari. Un po’ pascoliana come immagine. 🙂

    Non nutro alcuna illusione, ma voglie sperare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...