Sulle tracce d’italiano(2012)


Com’è mia abitudine annuale, qualche riflessione sulle tracce dell’esame di stato.

Analisi del testo
Nessuno si aspettava Montale prosatore, quindi ottima scelta strategica da parte del Ministero, anche per stanare ogni tentativo da parte degli studenti di plagiare commenti e analisi circolanti in rete o in cartaceo.
Nulla da dire sul brano anche dal punto di vista della scelta del tema, il tempo come vuoto ontologico dell’essere umano contro cui si sperimentano multiformi tecniche di sopravvivenza, sociale e individuale, al solo scopo di non guardare in faccia la realtà.
Pessime le prime tre domande formulate dagli esperti: l’alunno doveva limitarsi a leggere, comprendere e scovare nel brano la risposta giusta.
Assente l’orizzonte letterario, se non nella domanda sull’ironia.
Magari un cenno a Leopardi poteva essere suggerito, o no?

Saggio artistico-letterario
Un tema, il labirinto, accattivante e abbagliante, ma ingestibile sotto il profilo della cucitura. Autori(meravigliosi) accozzati l’uno accanto all’altro, ma senza un criterio storico-letterario, né estetico. Il criterio si restringe al campo delle conoscenze di chi ha elaborato la traccia. Ciò capita a tutti noi, quando strutturiamo i saggi letterari per i ragazzi. Sarebbe meglio scegliere un tema e suggerire agli allievi dove pescare nel mare della tradizione letteraria.

Saggio socio-economico
Quanti numeri! Quante statistiche! Orripilante.

Saggio storico-politico
Buon tema, ma si pone lo stesso dilemma del saggio artistico-letterario. Tommaso D’Aquino con De Rita? Ma dai!

Saggio ambito tecnico-scientifico
Già sentito.

Tema di ordine storico
Già sentito.

Tema di ordine generale
Da qualche anno vengono formulate delle belle proposte: «Avevo vent’anni. Non permetterò a nessuno di dire che questa è la più bella età della vita» (Paul Nizan, Aden Arabia, 1931).
Su questo tema ci sarebbe stato tanto da scrivere, esprimere e argomentare.
Avrei scelto proprio questa traccia.

12 thoughts on “Sulle tracce d’italiano(2012)

  1. io ero di assistenza alla prova in una commissione:
    nessuno ha scelto l’analisi del testo né il saggio artistico-letterario, né il tema storico.
    si sono buttati tutt su quello economico (ma in un ITC mi pare fisiologico) , su quello scientifico e sul commento a Nizan. solo uno ha discusso del bene comune.

    Mi piace

  2. mi piace la tua analisi. io avrei scelto la traccia sul labirinto perché adoro le accozzaglie. e poi sceglierei (ma ho delle perplessità generiche sul proporla all’esame, che se mi ri-sente ‘Pov) la traccia D ma solo perché dei vent’anni posso parlare due volte…con doppia cognizione di causa 😉

    Mi piace

  3. Da me la stessa statistica di Noise (ma Corto Maltese, che per la tesina queste cose le ha fatte, il labirinto lo avrebbe fatto se “la nostra commissaria non fosse sembrata così scolastica” – va detto che aveva perfettamente ragione). A me i due letterari sono sembrati raffinati. Su Montale stra-concordo con te. Il tema del labirinto secondo me non è accozzaglia: c’è una tradizione critica, che parte dallo stesso Calvino e arriva a tutta la tradizione di letteratura e scienza (penso almeno a Belpoliti e Antonello, se vogliamo restare in Italia, ma anche Bertoni e Bucciantini) che oramai è proposta anche in molti manuali (più o meno eredi del Materiale e l’immaginario – sul tema del resto ha avuto spesso parecchio da dire lo stesso Ceserani). Da questo punto di vista la traccia secondo me era assolutamente canonica e intrinsecamente intertestuale (nel senso che la maggioranza dei testi citati in realtà cita gli altri modelli proposti, a cominciare da Eco e Borges). Il socio-economico non mi è dispiaciuto, ma sospetto che il fatto di avere azzeccato la traccia (con tanto di pronostico scritto) mi abbia galvanizzato. Concordo sul già visto del tecnologico (infatti Calvin lo ha fatto tutto, a suo rischio e pericolo, in contro-tema, contestando la traccia punto per punto). Lo storico politico era effettivamente molto ampio nei documenti, troppo. Ma non male. Anche a me lo storico non è piaciuto granché, troppo scontato. Però va detto che, per una volta, se non altro era fattibile. Non mi dispiaceva il D.
    Comunque, come già dicevo a GG, ricordiamoci sempre delle tracce modello ‘compro-una-vocale’ degli ultimi due anni. Rispetto a quelle, questo è oro zecchino!

    Mi piace

  4. Pingback: Scatti di maturità (e tanti saluti dallo sceneggiatore) | Slumberland

  5. I mi sarei buttata ma proprio a corpo morto sulla traccia dei vent’anni e non se avrei combinato qualcosa di positivo perchè su una cosa così io mi accaloro mi infervoro mi ci intreccio, così come ho fatto col mio tema di maturità. Perchè in fondo sono una sognatrice e su certe cose ho molto da dire.

    Mi piace

  6. Mmm, credo avrei fatto quello del Labirinto, un pò perchè mi piacciono le tracce assegnate, un pò perchè l’argomento è molto affascinante.
    Quello storico, pr carità, no. Quello politico-economico, scontato e assurdo se non si seguono tg e dibattiti.
    Quello sui vent’anni…bello ma se argomentato bene, altrimenti si rischia di cadere nel già detto, già visto, già fatto.

    Quest’anno italiano era interno o esterno? Credo che questo fatto sia sempre molto vincolante nella scelta dei temi.

    Seya

    PS: felice di leggere che le cose in famiglia si sono risolte per il meglioXD

    Mi piace

  7. @Seya, hai ragione. Quest’anno italiano è esterno.

    @Sì, Povna, quest’anno è oro zecchino. Ricordo l’anno in cui fu proposto Svevo e i quesiti che snaturavano la grandezza dell’autore.

    @LaGatta, concordo.

    @Lanoisette, di solito i primi due temi vengono snobbbbati.

    @Rose, si poteva spaziare. Uno dei pericoli però l’autobiografismo.

    Mi piace

  8. Quello di Montale l’ho trovato bellissimo, del resto io farei sempre la prima traccia, quella sull’analisi del testo. Ma da me l’ha svolto (e bene!) solo una studentessa, su 48 candidati.
    Il tema, quello che indichi tu, sarebbe bello se svolto bene, ma si può prestare a qualche banalità, inclusa l’autocommiserazione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...