Viavai solidale

L’accidente familiare, di cui ho parlato qualche post fa, ha messo in moto una serie di visite  a casa di amici e parenti, lontani e acquisiti, che ha dell’incredibile e dell‘oneroso in termini di contraccambio. Alcuni non so neanche chi siano. Addirittura s’è precipitata, fortunatamente a piccoli gruppi, un’intera generazione di parenti acquisiti che, in nome del concetto di rispetto familiare, e allargato, ha stazionato per qualche ora nel pomeriggio e durante il dopo cena. Cosa implica tutto ciò? Che, appena dovesse verificarsi qualche accidente in una di queste famiglie, so che dovrò restituire la visita. Nei piccoli centri ‘sto viavai è d’uso, è una forma arcaica di solidarietà nel dolore e nel male, che ancora resiste e al quale non posso sottrarmi. Pensavo che, a 25 anni di assenza dal paesello, qualcosa si fosse modificato nei costumi. Invece mi sono sbagliato.

Ma quanto mi pesa!

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. rosenuovomondo
    Giu 26, 2012 @ 04:14:40

    si capisco, noi non siamo più abituati a questo genere di solidarietà che era in uso anche dalle mie parti. ..

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Giu 26, 2012 @ 06:48:17

    Rose, le visite mi hanno fatto capire che sto vivendo una fase storica di transizione, una gamba sul ‘900, l’altra sugli anni ’00. Mi auguro non di farina. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: