Luci d’agosto


D’estate chi vive in campagna vede la propria casa trasformarsi in una sequenza di superquark e una cena all’aperto con piatti siciliani in un assaggino di pietanze dal gusto asiatico.
Per evitare incontri ravvicinati non proprio graditi, si sperimenta di tutto.
L’insetticida a spirale, le bacchette di incenso e le candele alla citronella.
La forma di difesa più tecnologica è costituita dalla sedia elettrica per insetti, o piuttosto la lampada a raggi ultravioletti che attira le perniciose zanzare, ma anche le innocue falene, le verdissime cimici verdi e quanto di insetti sfortunati incroci sulla propria rotta la gabbia elettrica.
Un tanto fastidiosa lo è.
Mentre si gusta un prelibato bocconcello, la griglia blu elettrico sfrigola improvvisa e, dopo qualche secondo, la cheratina dell’esoscheletro degli insetti, stecchiti dalla scarica, diffonde nell’aria una zaffata di capello bruciato, che si mescola agli odori del cibo.
E poi quelle scariche sono dei martelli pneumatici conficcati sul cranio!
Il resto lo compiono le formiche: anche di notte trascinano alacremente le carcasse degli insetti morti nel formicaio e, nel caso in cui quelle siano eccessivamente grosse, con le loro tenaglie le smontano in piccoli pezzi.

Contrariamente ai metodi tecnologici, la fiamma naturale attenua l’orda degli insetti, ma gli esseri umani non abbiamo pazienza e tutto deve essere sufficientemente veloce ed efficace.
Come è possibile osservare nelle foto, alle candele e alle lanterne illuminate dalla fiamma non si avvicina alcun insetto.

Ammiriamo, invece, ben altra luce!
Riflessa, antica, ma sempre nuova.

E da un’altra “gabbia”.

La luna, la dilettosa luna.

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. laGattaGennara
    Ago 05, 2012 @ 10:12:07

    mi piacerebbe saper fotografare la luce dei fulmini che ierinotte illuminavano a giorno il cielo. e lì, stai sicuro, niente più insetti.
    quella gabbia sfrigolante ha sempre messo inquietudine anche in me!

    Mi piace

    Rispondi

  2. Anonimo SQ
    Ago 05, 2012 @ 14:49:05

    Personalmente non sono convito dell’efficacia di questi oggetti.
    Ne ricordo l’uso in casema, durante gli afosissimi mesi di giugno/luglio/settembre 1982: non si riusciva a dormire per il caldo, le punture (di zanzara soltanto, spero…) ed il continuo sfrigolio ed i lampi di queste lampade della morte.
    Se è vero che le uccidono, le zanzare (ma non soltanto), è anche vero che, attrendole con la loro luce, fanno avvicinare anche quelle più lontane. Se è vero che la probabilità di essere punto dipende dal prodotto del numero di vittime/metro cubo moltiplicato per il numero di zanzare/metro cubo (per una apposita costante che dipenderà dal tipo di zanzara), è ovvio che, trovandosi all’aperto, e considerando sostanzialmente vicino all’infinito il numero di zanzare nelle adiecenze, la densità di entomofagi/metro cubo (e quindi la probabilità di essere punto) potrà anche inizialmente scendere, ma presto si stabilizzera al valore determinato dalla velocità di diffusione degli insetti verso la luce che li attrae, e, paradossalmente, più vicini si sarà alla lampada, più facile sarà essere punti (perchè lì attorno si avrà la massima densità di zanzare/metro cubo.
    Insomma, non credo molto a ‘sti oggetti, prerferisco affidarmi alle reti (finestre di casa) o, all’aperto, ad un buon repellente *sulla pelle*. Quello delle ultime versioni di Autan è molto eficace della vecchia N,N dietil toluoammide (credo si chiami icaridina, ma non ho ben presente la formula). Quelli “naturali” (estratti di geranio etc) fanno poco, e durano niente, vanno bene per chi già di suo non verrebbe punto o ne avrebbe poco fastidio.
    Poi, ovviamente, ci stanno quelli che non vengono mai punti, e quelli come me che fanno da puntaspilli con ponfi epici.

    Insomma, l’unica sarebbe la prevenzione (in città) in campagna non c’è niente da fare.

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  3. 'povna
    Ago 05, 2012 @ 15:08:09

    Non amo le gabbie. Ma la sola citronella (o le lampade) basta per chi non ha il sangue dolce e dilettoso come la luna. Ricordo sempre, quando lavoravo nella città rossa, e lì vivevo, le discussioni con l’Amico Mostro per mettere lo zampirone in terrazza. “Ma no, ‘povna, non ci sono zanzare, basta la citronella”.
    “Ci scommetto che non le senti, Amico Mostro, pungono tutte me”.
    Per me zampirone fuori, piastrina brutale in casa. Senza pietà.

    Mi piace

    Rispondi

  4. Raymond
    Ago 06, 2012 @ 23:02:09

    Assieme alle formiche, che però venivano regolarmente bruciate con trappole alla marmellata (ebbene sì, confessiamo) avevamo una di quelle griglie quando eravamo militari, ma non bastavano ad evitare le punture, troppo umido anche a Roma nel ’90. Credevo che la seconda lampada tu l’avessi fregata in un cantiere autostradale 🙂
    Ora, ai primi caldi, qualche volte devo combattere con le vespe, e ci vuole sangue freddo quando sono più di una ventina … è stato più divertente dar la caccia ad un sorcio qualche anno fa, anche se eviterei nuove visite sul genere.

    La luna questi giorni è invidiosa, perchè hanno mandato una smart su Marte (ad minchiam caro prof)

    Mi piace

    Rispondi

  5. gipsy
    Ago 14, 2012 @ 15:59:24

    Sarà perchè a me le zanzare non pizzicano (sì, sono fortunata!), tutte le diavolerie studiate per allontanarle mi appaiono più disgustose delle zanzare stesse. A partire dalla lampada elettrica (macabra e sadica, come nella tua descrizione), al puzzo disgustoso dell’Autan che si spruzza addosso, alla citronella che anche quella ha un odore che mi fa venire la nausea. L’unico attrezzo che mi piace è lo zampirone che per me ha un buon odore che mi ricorda le estati della mia infanzia.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...