Una tre giorni


Mi sono concesso tre giorni di pura vacanza insieme ai miei amici.
Ancora una volta in camper.
Ancora una volta in una località, Oliveri(ME), dove ero già stato l’anno scorso.
Solitamente non mi aggrada ritornare nello stesso posto per due anni consecutivi, mortificandosi in tal modo il mio spirito esplorativo, ma questo passa il convento, come si suol dire, e perciò chiniamo la testa a quanto di bello comunque ci riservi la vita.
Il campeggio è sempre rigenerante: il mare sotto il naso, la doccia fresca quando vuoi, le granite di Oliveri a una pedalata di bicicletta, e poi la compagnia: godereccia, spassosa, autenticamente umana.
Gradevoli anche gli altri ospiti del campeggio: silenziosi, educati, gentili.
E questo anche la notte del ’14 agosto.
La caciara invece proveniva dal lungomare, trasformatosi per l’occasione in un formicaio ballante, ma a una lontananza tale dal campeggio che era quasi gradevole sentire in sottofondo musiche, dj, voci e scoppi dei giochi d’artificio.
Avevo portato con me un romanzo, che ho iniziato a leggere più volte e richiuso altrettante.
Anche questa volta il libro mi ha stancato, ma la verità è che ho voluto profittare dello stato di natura offerto dal posto.
Un po’ meno stoico e molto epicureo.


Uno dei laghetti di Marinello


Verde Monet


Al tramonto


Prima del tramonto


L’aurora. Mi son destato alle sei. Non c’era altro modo per immortalarla.

15 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Anonimo
    Ago 16, 2012 @ 10:08:10

    Nulla da invidiare al mio viaggio a Marsiglia, insomma 😉
    Gran belle foto.

    Mi piace

    Rispondi

  2. Amedeo
    Ago 16, 2012 @ 10:09:26

    Ops, non so perché mi spazza via il nome. Sono Amedeo!

    Mi piace

    Rispondi

  3. pensierini
    Ago 16, 2012 @ 10:59:35

    Anche tu camperista?! Anche noi! 🙂 Riposante, la vacanza in campeggio, e paragonabile a nessun’altra. Bellissime le tue foto, come sempre.

    Mi piace

    Rispondi

  4. lanoisette
    Ago 16, 2012 @ 11:19:19

    che meraviglia!

    Mi piace

    Rispondi

  5. 'povna
    Ago 16, 2012 @ 13:08:01

    Splendide foto, splendidi posti. Evviva l’epicureismo: è quello che mi aspetta nella consueta settimana nel paese-che-è-casa, arriverà!
    (Ma, per curiosità. quale era il romanzo incriminato?!)

    Mi piace

    Rispondi

  6. kappadue72
    Ago 16, 2012 @ 14:32:07

    Ciao Mel.

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Ago 16, 2012 @ 16:45:56

    @Grazie, Amedeo e Lanoisette! . 🙂

    @Da qualche anno, Pensierini. Bella esperienza, soprattutto “zingariare”, ossia senza sosta come zingari.

    @Povna, è un regalo: La chimica segreta degli incontri di Marc Levy. Improbabilmente realistica la trama, dialoghi poverelli.

    @Ricambio il saluto, Kappadue.

    Mi piace

    Rispondi

  8. simonnne@hotmail.com
    Ago 16, 2012 @ 22:25:10

    Oltre ai luoghi incantevoli ammiro lo spirito d’avventura della vostra compagnia, sono contento che ve la siete spassata, viva la bella natura. Per l’alba sul mare hai scelto la tattica migliore, meglio la sveglia che la veglia, credimi, sono uscito devastato da svariate bisbocce tramutate in “indianate” ad alto tasso acoolico di improvvisate organizzazioni fine anni 90… L’ho giurato a me stesso, tutta notte Mai Più 🙂
    Bentornato Prof !!!

    Mi piace

    Rispondi

  9. ornella
    Ago 17, 2012 @ 05:50:55

    Luoghi incantevoli! Peccato che per me siano così lontani… ma non si può mai sapere cosa ci riserva il futuro. Intanto ammiro le foto che fanno sognare, grazie Mel!

    PS: l’alba comunque è uno spettacolo da ammirare dovunque. Vale la pena di svegliarsi presto. Una allodola come me non fa nemmeno fatica !

    Mi piace

    Rispondi

  10. Anonimo SQ
    Ago 17, 2012 @ 22:23:21

    No, no, la natura per riportare le cose in pari ha reso me gufo: e così non prendo sonno prima delle due, con questo caldo (e anche col freddo) ! Però l’alba l’ho fotografata anch’io, quest’anno, sul Conero.
    Comunque complimenti, Mel, anche tu campeggiatore. Io da sempre (luna di miele in canadese), poi carrello tenda, poi caravan, non ancora camper; ma penso che, a parte i costi, non farò mai questo salto. Preferisco lasciare la “casa” in campeggio. esplorare liberamente e poi, semmai, cambiare posto.
    Un anno di questi verrò in Sicilia, di cui ho ottimi conoscitori tra gli amici (te compreso). Il guaio è che siete tanto lontani, e tanto caldi in questo periodo !!!

    Ciao Mel,

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  11. laGattaGennara
    Ago 18, 2012 @ 19:04:03

    uh, campeggio che è salvifico e poi sì, chinare la testa a quanto di bello comunque ci riservi la vita, hai detto bene. un saluto

    Mi piace

    Rispondi

  12. Alidada
    Ago 21, 2012 @ 23:47:30

    accipicchia che foto stupende! Complimenti Mel, sia per la scelta del posto che per il colpo d’occhio.. Sono contenta che tu sia stato bene e che ora sia tornato. Sai una cosa? Non credevo che “Oliveri” fosse il nome di una località, io ho dei bimbi (tra l’altro bravissimi) a scuola, che hanno questo cognome

    Mi piace

    Rispondi

  13. melchisedec
    Ago 22, 2012 @ 14:19:24

    Grazie, molto gentili.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...