Silfidi in agguato


Il mio giorno libero è il giovedì. Per la seconda volta consecutiva anche oggi una parte della giornata dovrebbe essere dedicata a un impegno scolastico particolare. Un giovane di belle speranze, già laureato, sta per concludere un master non ho capito in quale città italiana e gli abbisogna di intervistarmi, cosa che m’imbarazza non poco. Se è fama acclarata che sono gentile e cortese, i più non sanno che sono profondamente orso nelle relazioni umane e inoltre popolano la mia mente fantasmi di pensieri non proprio nobili, che tra breve esporrò dopo avere ricostruito l’antefatto.
Un anno fa mi sono impelagato in un progetto esterno, realizzato da un’associazione autorevole, che m’ha visto protagonista come referente interno al liceo e come tutor di due alunni; ora si tratta di portare a termine la seconda annualità e con tutte le perplessità del caso non posso certo sottrarmi all’impegno, anche perché, diciamolo pure, dovrei rinunciare a una sostanziosa sommetta di euro. All’inizio del progetto ero molto entusiasta, poi l’interesse è via via scemato per la mole di carte che ho dovuto riempire e per le frequenti riunioni del comitato, come se già non bastassero quelle scolastiche. Quindi il pregio delle attività svolte è stato mortificato dalla solita burocrazia e dal dispendio di tempo prezioso.
A denti stretti ho perseverato e continuo a farlo.
Qualche giorno fa ho saputo che il giovane di belle speranze di cui sopra, esterno al liceo e all’associazione, ha monitorato e analizzato il progetto allo scopo di usare ogni elemento a sua disposizione per la ricerca che sta realizzando.
Detta ricerca prevede che s’intervisti il referente, qualora questi voglia prestarsi.
Io mi sono prestato, ma non c’è modo di incontrarci, soprattutto a causa del caos a scuola: docenti e bidelli non ancora nominati, orario scolastico in continua revisione, caldo soffocante e altro; inoltre essere intervistato a scuola non è proprio l’ideale. Se non sono in classe, le ore-buco sono occupate da altri impegni: sostituire i colleghi assenti con i disponibili(a pagamento e non), accogliere i supplenti che arrivano a scuola e illustrare in pillole l’organizzazione, e mille e mille richieste di alunni, genitori, colleghi, personale.
Così il giovanotto m’ha proposto per l’intervista un luogo tranquillo: sedersi all’ombra di un bar-giardino tra bibite e parole per non più di un’ora.
Il diavolo s’è messo di mezzo: giovedì, ché domattina deve partire e stare lontano un mese.
Giovedì, il mio giorno libero.
A pranzo concorderemo, ma non ho ancora deciso.
Da una parte per i motivi esposti prima, poi c’è che sono sospettoso.
Il solito diavoletto mi suggerisce che le promotrici dell’intervista sono le silfidi referenti dell’associazione che vogliono appurare cosa io pensi veramente del progetto.
Pertanto, durante l’intervista, che non metto in dubbio essere destinata alla ricerca, non so se mentire spudoratamente, fare il gesuita ipocrita o spiattellare al giovanotto ciò che penso davvero.
Lingua mia frenati!

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ornella
    Set 27, 2012 @ 08:22:15

    Frenati , frenati , Mel!!! Tienti saldo e porta pazienza, ché dire chiaramente ciò che si pensa di un progetto scolastico…. ahimè, prevede che tu immediatamente te ne dissoci, con tutte le conseguenze del caso.

    Mi piace

    Rispondi

  2. tenebrae
    Set 27, 2012 @ 09:09:39

    un po’ di ipocrisia diplomatica…(ma solo un po’, neh?), anche se può darti fastidio.

    Un saluto

    Mi piace

    Rispondi

  3. pensierini
    Set 27, 2012 @ 10:42:04

    Concordo: sii il più possibile diplomatico e perfino elusivo.

    Mi piace

    Rispondi

  4. laGattaGennara
    Set 27, 2012 @ 15:20:44

    ah, io voglio sapere il post di questo post e quale animo ha prevalso, sissì. curiosa.

    Mi piace

    Rispondi

  5. 'povna
    Set 27, 2012 @ 16:01:46

    Vado fuori dal coro: direi la verità. Con compostezza, senza polemica, ma la verità. Se il progetto è buono, ma soffocato dalla burocrazia, dire la verità servirà a migliorarlo. Se il progetto è solo cattivo, dire la verità servirà a cancellarlo. Se no molto di ciò che facciamo non ha senso, non pensi?!

    Mi piace

    Rispondi

  6. ildiariodimurasaki
    Set 27, 2012 @ 16:19:52

    In effetti nemmeno io vedo il motivo di frenarti. Se dici quel che pensi del progetto ti tolgono i soldi? Ti degradano sul campo? Ti coprono prima di catrame e poi di piume? Se secondo te la cosa non è stata organizzata bene, è giusto dirlo, IMHO.

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Set 27, 2012 @ 16:42:12

    Rispondo con un unico commento.
    Solitamente non temo di dire la “verità” sempre nel rispetto degli interlocutori, a meno che non si perda la pazienza. Se alle silfidi passasse soltanto il sospetto di un segmento del progetto non andato a buon fine o percepito come naufragio, sarebbero capaci di organizzare altre ore di formazione, perché il progetto continua fino a marzo. Sinceramente non ho l’energia per affrontare altre ore di “scassamento” di m…
    Direi la verità, se già ne fossi fuori; il progetto in sé è valido, ma non per un liceo.
    In parte io e i colleghi qualche flash critico l’abbiamo scattato.

    Mi piace

    Rispondi

  8. Anonimo SQ
    Set 27, 2012 @ 18:36:36

    Quoto ‘povan: la verità, sempre, magari non brutalmente, ma credo che la sincerità paghi, sempre, magari non subito, ma sul tempo lungo di sicuro.

    Anonimo SQ

    Mi piace

    Rispondi

  9. rosenuovomondo
    Set 27, 2012 @ 19:08:10

    sono sempre per la verità, a volte nuda e cruda che non sono capace di tanti giri di parole… io farei così, sai???

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Set 27, 2012 @ 20:18:37

    Non sono d’accordo, Anonimo e Rose.
    Molto dipende dai contesti.

    Mi piace

    Rispondi

  11. Ilaria
    Set 27, 2012 @ 21:28:09

    Però… se “devi” far parte di un progetto che non ti piace (al punto che non vorresti neanche fare formazione per migliorarlo), più che dire o non dire la verità forse il punto è se vuoi starci o meno. Ok, hai preso l’impegno, ok ti pagano ma forse se non ti ci senti dentro fino a questo punto, anzi fin dall’inizio, per come da subito hai descritto le “silfidi” (me lo ricordo quel post!) forse puoi valutare se lasciarlo o meno (lo dico solo perché dai tuoi commenti e anche dal post mi sembra di percepire proprio una tua repulsione ormai).

    Mi piace

    Rispondi

  12. melchisedec
    Set 28, 2012 @ 06:47:14

    Troppo tardi, cara Ilaria. Mea culpa. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: