Koronê

Una fra le tante tradizioni natalizie cristiane è quella di preparare la corona d’avvento, che va allestita in chiesa, possibilmente nei pressi dell’altare maggiore, a partire dalla prima domenica d’avvento. Essa consta di una corona composta da ramoscelli di sempreverdi intrecciati circolarmente, dai quali svettano quattro ceri, che simboleggiano le quattro domeniche che precedono il Natale; la tradizione è di origine protestante, ma è stata assimilata dal cattolicesimo come parte integrante della ritualità natalizia. Il verde indica la speranza imperitura della fede nel Messia, ecco perché si scelgono solitamente rami di aghifoglie. Tuttavia, in base alle disponibilità del territorio, è possibile adoperare altri vegetali, come potos o muschio verdeggiante. Per i colori dei ceri ci si può scatenare: il classico rosso ceralacca, i quattro colori liturgici(verde, rosso, bianco, viola-rosaceo) oppure tre viola e uno rosa, come nella foto postata qui sotto. C’è chi, oltre ai quattro ceri, ne aggiunge al centro un quinto, bianco oppure dorato.

https://i1.wp.com/farm9.staticflickr.com/8205/8238911682_7a58a94caf.jpg

Il viola dell’Avvento, infatti, viene spezzato dal rosa della terza domenica d’avvento, denominata appunto “Gaudete”; contrariamente a come credono gli ignoranti, il viola non è il colore del lutto e della sfiga, ma quello del “fare deserto” nel proprio cuore, dedicando un considerevole spazio di tempo alla meditazione e al raccoglimento. Il rosa, gradazione meno intensa del viola, rompe il silenzio del “deserto”, del buio dentro. Nella foto che ho scelto i ceri sono incastonati tra pietre, che sono il segno della nudità della terra, ma anche della saldezza della fede. La pietra-roccia ricorre spesso nella tradizione biblica come richiamo alla stabilità del patto di alleanza tra Dio e l’uomo. La corona è poi sormontata da un drappo violetto tenue, da cui si diramano tre nastri color panna richiamanti per il numero il sistema trinitario.

 

5 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ildiariodimurasaki
    Dic 03, 2012 @ 18:34:41

    Grazie di questo bell’excursus che mi ha chiarito un sacco di dubbi. Io amo le candele, i colori delle candele, i decori di Natale e inoltre quando arriva l’autunno divento molto meditativa, e Dicembre è forse il mio mese preferito – e giusto quest’anno stavo meditando (appunto!) di farmi una corona-da-avvento. Per ora mi sono limitata a metterla nel blog…

    Mi piace

    Rispondi

  2. Ilaria
    Dic 03, 2012 @ 22:04:32

    Molto interessante davvero! Solo non capisco perché molte delle tradizioni che descrivi da me non vengono seguite… non ho mai visto questa corona con le candele. Chiederò lumi al parroco… magari gli porto pure il tuo post 😉

    OT: c’è il ministro Profumo su rai tre a “Che tempo che fa”…

    Mi piace

    Rispondi

  3. billyhunt69
    Dic 03, 2012 @ 23:09:44

    Siccome un tempo, avendo uno zio prete e un altro monsignore, in famiglia tentavano di spiegarmi “le vesti” di alcune occasioni liturgiche, mi ha attratto subito questa tua piena zeppa di riferimenti e significati. E chi te le spiega più sennò ? Sarà che non frequento più da troppo tempo … anche se paradossalmente non mi sono mai sentito distante…

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Dic 04, 2012 @ 06:17:07

    @Ilaria, ok, fammi sapere! 🙂 Su Prof…umo taccio. Da qualche tempo non seguo più costantemente Fazio, che è diventato assai commerciale.

    @Bene, BillyRay!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: