Un baffo a Bisanzio!

Continuano a moltiplicarsi nella mia scuola le iniziative di protesta e agitazione di studenti e docenti. Un’assemblea dopo l’altra, qualche scampolo di lezione e malcontento generalizzato; le circolari si susseguono l’una dopo l’altra, spesso in contraddizione tra loro, perciò occorre consultare spessissimo il sito web per non rimanere indietro. Ormai il cartaceo è stato superato dalle comunicazioni on line, perciò chi ha difficoltà con la connessione internet rischia di essere tagliato fuori. A molti l’affastellamento di ordini contrastanti fa anche comodo e alcuni, sia tra i docenti sia tra gli alunni, come si suol dire ci marciano per piegare ai propri interessi individualistici il mescolarsi di notizie contrastanti. Gli uni sono specialisti nel tirare fuori dal sacco delle argomentazioni il meglio del bizantinismo concettuale pur di pararsi il culo e trarre profitto dalle delibere collegiali, gli altri sembrano avere congedato per sempre la capacità di decodificare il contenuto delle circolari, perciò vagano per i corridoi alla ricerca di un responsabile, che si faccia interprete e garante per loro della comprensione. Il dato più preoccupante è costituito o dai salti logici o dalle deduzioni senza fondamento, che caratterizzano per lo più il discorrere dei ragazzi; non va meglio sul versante dei docenti. C’è sempre un tassello che nella catena dei significanti non s’incassa al posto giusto. Che ipotizzare? O sono deficienti i destinatari delle direttive e degli ordini di servizio o i mittenti. O forse ciascuno tenta di tirare acqua al proprio mulino. Cosa molto probabile.

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ilaria
    Dic 03, 2012 @ 23:01:23

    Mamma mia che anarchia, nonostante il profluvio di circolari… Sì, noto anch’io che improvvisamente si diventa “imbecilli” (senza vergogna!) quando si può trarne profitto per i propri interessi. Scusa ma mi viene anche da sorridere pensando a te in quel bailamme… perdonami! 😉

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Dic 04, 2012 @ 06:18:11

    Trascorro le ore sgranando gli occhi 😯 e a volte alzando la voce rivolgendomi ai colleghi.

    Mi piace

    Rispondi

  3. rosenuovomondo
    Dic 04, 2012 @ 06:29:04

    Ma con tutto il rispetto per la protesta, a scuola si va ancora per fare lezione, le proteste si possono fare in altro modo. Mi spiace questa confusione di idee e di circolari tra tutti

    Mi piace

    Rispondi

  4. 'povna
    Dic 04, 2012 @ 08:04:40

    Ecco. Allora però a me pare, dalle tue stesse descrizioni, che là dove ci sono colleghi con cui alzare la voce ci sia una scuola da riformare a calci in culo (ai colleghi medesimi). Ma tanti, eh.

    Mi piace

    Rispondi

  5. pensierini
    Dic 04, 2012 @ 18:24:07

    Hai scritto: “Che ipotizzare? O sono deficienti i destinatari delle direttive e degli ordini di servizio o i mittenti.” Risposta telegrafica: di solito i mittenti. Se le cose sono scritte chiaramente, non dovrebbero dar adito a interpretazioni fantasiose. A meno che i destinatari facciano i finti tonti. E allora sono casini grossi.

    Mi piace

    Rispondi

  6. melchisedec
    Dic 04, 2012 @ 18:37:59

    A calci, a calci. Quoto.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: