Cambio di stagione

È stato anche il bel tempo a farmi rimandare di giorno in giorno il cambio dell’abbigliamento di stagione, ma stamani, come mi ero imposto, ho messo un po’ d’ordine nei cassetti, nell’armadio e nella scarpiera. In concomitanza il ferro da stiro ha emesso il suo vapore per circa due ore, infatti non si capisce perché, pur avendo  conservato puliti, ordinati e stirati i maglioni, tuttavia fa sempre capolino più di una piega e qualcheduno appare pure stropicciato, perciò ho dovuto ripassarvi sopra il ferro. Fare il cambio di stagione implica anche la pulizia degli interni dei mobili, per cui ho consumato mezza domenica. Domenica paradossalmente primaverile, considerato che la temperatura, nei giorni scorsi, è scesa abbastanza. Ho eliminato, nel senso che è finita nella spazzatura da riciclo, anche un po’ di biancheria, tra cui dei fantasmini, diventati così stretti da soffocare i piedi e qualche t-shirt da strapazzo rimpicciolitasi per i lavaggi. Ho, invece, regalato una giacca e un jeans a un mio vicino di casa, che non versa proprio in ottime condizioni economiche. La giacca, in cotone verde militare, da sempre mi sta stretta di spalle, mentre il jeans è eccessivamente a vita alta. Da qualche anno detesto i capi stretti e, se potessi, pur non essendo ciccione, indosserei un bel saio ampio di colore verde muschio. Ne basterebbero sei: due estive, due invernali e due di mezzo tempo. Ma queste sono fantasie e, di fatto, ieri ho acquistato un bel paio di pantaloni marrone-castagna molto comodi, né stretti, né larghi. Li ho già consegnati alla sarta per l’accorciatura; mi sono regalato anche un berretto pezzato di vari disegni e colori, tale da potere essere abbinato a diversi capi d’abbigliamento, e una sciarpetta stropicciatissima, che dialoga con il berretto, che m’imporro di adoperare. Il gelo mattutino e serale, infatti, è nemico del mio cranio.

3 thoughts on “Cambio di stagione

  1. se posso suggerire, per i maglioni ci sono degli ottimi sacchetti trasparenti, semirigidi, che conservano la piega in modo ottimale. Io di maglioni ne ho svariati perchè temo il freddo ai fianchi. Molto meno invece ai piedi, giro ancora con calzature di mezza stagione, deve scendere sotto i 5° prima che metta scarpe invernali. E anch’io sono per la moda comda 🙂
    C’est trés chic le chapeaux !
    Ray

    Mi piace

  2. @In verità, Povna, per me si tratta di spostare i capi da un ripiano dell’armadio a un altro e riordinare i cassetti. Nulla di “tragico”. A parte che è un modo per ricordare ciò che ho.

    @Proverò, Ray. Ma ci scappa sempre una piega. At minchiam!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...