6

Disegno-Numero-6

Non so se sia la mia isolanità a farmi ribollire di fascino attrattivo verso la Sardegna, o per meglio dire verso gli scrittori sardi, o una semplice e pura coincidenza di incontri letterari, che si consumano nell’atto della lettura e nelle fole dell’immaginario. Sta di fatto che ho comprato, per solidarietà, e letto con piacere, il libello Sei per la Sardegna, pubblicato dalla Einaudi, il cui incasso sarà devoluto per la comunità di Bitti, che ha subito danni di una certa gravità strutturale in seguito all’alluvione di poco tempo fa. Si sono mobilitati Michela Murgia, Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu e Paola Soriga. Ciascuno ha scritto un pezzo letterario, il cui tema richiama, direttamente o velatamente, la Sardegna, i pregiudizi su di essa, la bellezza, l’invasione del capitalismo turistico selvaggio, le tradizioni e via discorrendo. I generi praticati sono molteplici: dal pamphlet al racconto biografico, dal saggio di geografia umana alla prosa poetica, dal libretto di musica al racconto breve. Sei è perciò un miscuglio di generi che, se da un punto di vista letterario necessitava di una revisione meditata e meno irruente, tuttavia è attraversato da una vena di passione viscerale, che lega gli autori alla loro terra. Fra tutti, almeno per i miei gusti, ho trovato interessante la prosa poetico-filosofica di Fois dal retrogusto leopardiano, il racconto breve della Murgia, come sempre abilissima nella poetica della frase-meraviglia e del fulmen in clausula, e infine la biografia di carattere realistico di Abate. Sei non è certo un capolavoro, ma, se si conciliano l’amore per la Sardegna e la causa solidale, penso che valga la pena acquistarlo e leggerlo. 

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. 'povna
    Gen 30, 2014 @ 20:57:17

    Non lo conoscevo, e mi piace l’intento militante di questa raccolta. Come sai non amo troppo gli scrittori italiani, ma questa quasi quasi la provo.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Gen 31, 2014 @ 06:36:45

    Per me non ci sono confini, Povna, mi può piacere uno scrittore italiano come un giapponese.
    M’interessa la scrittura.

    Mi piace

    Rispondi

  3. 'povna
    Gen 31, 2014 @ 18:21:46

    E bel per quello che non amo troppo gli scrittori italiani! 😉

    Mi piace

    Rispondi

  4. Ilaria
    Gen 31, 2014 @ 19:56:15

    A me piacerebbe decidermi a leggere qualcosa della Murgia ma ancora non mi è scattata la molla… eppure ne ho sempre sentito parlare bene, anche qui da te. Prima o poi…

    Mi piace

    Rispondi

  5. melchisedec
    Gen 31, 2014 @ 19:56:26

    Immaginavo, Povna. 😆

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: