Mentre immortalavo il fico lussureggiante di frutti, scorgo su una delle foglie questa meravigliosa farfalla, che è rimasta immobile per tutto il tempo necessario perché potessi avvicinare lo zoom e acciuffarla. Ho tentato in tutti i modi di conoscere il suo nome, ma non ci sono riuscito. Somiglia molto ad un’Atalanta, ma non ne sono sicuro.


Come dal germe ai suoi perfetti giorni
giunga una schiera di Vanesse; quali
speranze buone e quali fantasie
la crëatura per volar su nata
susciti in cuore di colui che sogna
col suo lento mutare e trasmutare,
la maraviglia delle opposte maschere,
la varia grazia delle varie specie,
in versi canterò… Non vi par egli,
non vi par egli d’essere in Arcadia?
(Guido Gozzano, Le farfalle, 1914)