Giornata ProGrammatica

Celebro, a modo mio, la Giornata ProGrammatica del 17 ottobre attraverso alcuni miei cari vecchi libri di grammatica. Non mi stanco mai di insegnarla; quest’anno sono fortunato, poiché la insegno in due classi del biennio. Ma anche i maturandi, talvolta, li striglio con domande di grammatica. 

17/10/2014 RadioTre ore 21.00

Il più classico.

Il più poetico...

Il più scientifico

14 pensieri su “Giornata ProGrammatica

  1. La grammatica non è il mio forte, per certe cose vado ancora a cercare conferme prima di scriverle, ma se mi metto a confronto con la dealfabetizzazione media degli utenti facebook sono un genio della grammatica!

    "Mi piace"

  2. @Ornella, non potevo non celebrarla. 🙂

    @Io nel mio piccolo grande, SF.

    @Nessun dubbio, K2. Ieri ho chiamato un famoso laboratorio di analisi(L…)di Palermo; ad un certo punto la voce guida dice”La chiamata verrà risposta non appena un operatore sarà libero”. Sigh sigh.
    b. Con uso trans.: che cosa ti ha risposto?; proprio questo mi ha risposto; r. un sì, un no; r. due righe, due parole, brevemente; E ella avrebbe a me forse resposto Qualche santa parola sospirando (Petrarca); ormai disusato, r. un’insolenza, una villania, con parole di insolenza, di villania; non r. nulla, e per enfasi, non r. una parola, una sillaba; non r. verbo; scherz., mi ha risposto picche, negativamente o eludendo la mia domanda (v. picca1, n. 2). Può essere usato anche nel passivo, per lo più come impers. e seguito da una prop. soggettiva: mi fu risposto che non dovevo immischiarmi in queste cose; gli è stato risposto che deve aspettare ancora un po’; Così pregò ’l poeta e sì risposto Poco dinanzi a noi ne fu (Dante). (Treccani)

    @Iomestessa, io lo faccio o per diletto o per dubbi.

    @Figurati, Pensierini! Sempre più in basso.

    "Mi piace"

  3. Nemmeno a dirlo, possiedo il terzo, ma è di mio fratello che fu supplente anni or dono prima di dedicarsi al giornalismo. Ne ho anche un’altra, e ricordo con grande affetto la maestra e le tre professoresse in seguito che tentavano di insegnarcela a dovere. Tra l’altro riflettevo che la più esigente era quella che ci convinse a frequentare lezioni di latino anche se erano facoltativo, “discipulo attento est” (tormentone dell’epoca) 🙂
    Raymond

    "Mi piace"

  4. @Ray, il testo “La struttura della lingua italiana” è abbastanza completo, soprattutto per la parte relativa alla sintassi del verbo e del periodo. Tra i pochi testi degli anni ’80 a fornire un quadro completo della consecutio temporum nelle completive rette sia da verbi di “certezza” che di “incertezza”, “timore”, “ipotesi”. 🙂

    "Mi piace"

  5. E un buon libro di grammatica per una ragazzina di III media, che vorrebbe migliorare le sue conoscenze prima di cominciare il liceo (scientifico)?

    Grazie, una mamma accondiscendente. 😀

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...