Il mio buon esame

A scuola è circolata la notizia secondo cui la manovra economica, per mere ragioni di conti, avrebbe fatto fuori i commissari esterni dagli esami di maturità attraverso l’inglorioso ritorno morattiano ai membri interni coordinati da un unico presidente esterno; ovviamente ho origliato dialoghi moraleggianti di vario tipo, ho assistito a stracciamenti di vesti e sentito maledizioni degne dei peggiori pub cittadini(avrei detto “bettole”, ma esistono ancora?). Forte del proposito di quest’anno, “astuto come un serpente, puro come una colomba”, mi sono astenuto dal commentare. A quanto pare però, se ci si attiene alle indiscrezioni che i quotidiani hanno, com’è loro costume, sbandierato ai quattro venti, è scomparsa dalla manovra la norma dei professori interni. Se così sarà, non posso che gioirne.

Io avrei osato di più.

Provo a segmentare il mio ragionamento.

FRONTE EDUCATIVO

  • Credo nel valore etico degli esami di stato.
  • Gli esaminandi giungono agli esami con un tesoretto di bonus accumulati durante l’arco del triennio.
  • Gli esami sono, pertanto, un modo per sperimentare quanto appreso durante i cinque anni.
  • Lo sono “esami” anche per noi docenti, che in qualche modo siamo valutati indirettamente da “altri”, preferibilmente esterni.

FRONTE ECONOMICO

  • I docenti con contratto a tempo indeterminato continuano a percepire gli emolumenti anche durante l’arco estivo.
  • Gli esami di stato si svolgono tra la seconda metà di giugno e la prima metà di luglio.
  • Le ferie estive dei docenti scattano solitamente a fine luglio.
  • Non c’è, pertanto, il rischio che i tempi degli esami collidano con i tempi delle ferie.
  • Premesso che i docenti svolgono diciotto ore settimanali, ipotizzando che occorrano venti giorni per tutte le operazioni e che, a volere abbondare, si lavori 5 ore al giorno(con 60 esaminandi), mi pare che 20×5 ore giornaliere dia come risultato 100 ore. E 100 ore estese fino a luglio inoltrato non rientrano, forse, nel calcolo degli emolumenti mensili? Forse c’è un surplus di 10 ore, ma non ne sono sicuro.
  • Pagamento delle sole spese di viaggio per quei commissari che realmente si spostano, per esempio, dalla città in provincia, ma attraverso un procedimento scientifico ed etico di nomine è possibile scongiurare che uno si sposti da Palermo a Cefalù, per esempio.

 

PROPOSTA

Sei commissari esterni, un presidente esterno, un membro interno.

Costo contenutissimo, o no?

14 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. iomemestessa
    Ott 24, 2014 @ 11:17:13

    Non sono un insegnante. E della scuola sono solo fruitrice conto terzi (mia figlia) e fruitrice del prodotto finale (i diplomati/laureati) che vengono successivamente riversati sul mercato.
    E di ciò che pensavo della (non) mirabile proposta del ministro Giannini ne scrissi qui, qualche settimana fa http://iomemestessa.wordpress.com/2014/09/19/stringi-i-pugni-ragazzo-non-lasciargliela-vinta-neanche-un-momento/

    Mi piace

    Rispondi

  2. iomemestessa
    Ott 24, 2014 @ 11:17:49

    un’insegnante, ovviamente. La prof avrebbe usato la matita blu.

    Mi piace

    Rispondi

  3. pensierini
    Ott 24, 2014 @ 12:41:57

    Magari!!!

    Mi piace

    Rispondi

  4. rosenuovomondo
    Ott 24, 2014 @ 12:45:41

    i sindacati ancora comunicano la proposta dei professori interni…

    Mi piace

    Rispondi

  5. ellegio
    Ott 24, 2014 @ 14:11:40

    Io ci aggiungerei un po’ di sana alternanza tra i docenti, a questo punto. Che ci sono colleghi che il 10 giugno sono in vacanza, da sempre e tutti gli anni. Oppure che questo almeno venga considerato prima di metterci nella colonna dei cattivi (leggasi quelli che non potranno aspirare agli spiccioli di aumento nel 20..18? 21? boh).

    Mi piace

    Rispondi

  6. roceresale
    Ott 24, 2014 @ 14:14:26

    Un po’ come quando l’ho fatto io, l’esame… Sai, vivendo in una provincia piccola e stretta sia geograficamente che non ma lunga e qui solo geograficamente, ormai si è consolidato un certo giro senza ricambio di esterni. Che arrivano a togliersi i sassolini dalle scarpe con e sui maturandi quando vorrebbero solo guadagnarsi il quarto d’ora di celebrità nei meschini campanilismi scolastici. Questo è il fattore che mi sembra più difficile da risolvere, senza soldi.

    Mi piace

    Rispondi

  7. ellegio
    Ott 24, 2014 @ 14:14:36

    Comunque, noi siamo ancora in attesa del decreto sul nuovo esame, quello che dovrebbe introdurre la seconda prova scritta di fisica e la revisione della struttura di quella di matematica. E non si sa cos’altro, a questo punto. E siamo alla fine di ottobre.

    Mi piace

    Rispondi

  8. melchisedec
    Ott 24, 2014 @ 15:51:44

    @Pensierini, intransigente e rivoluzionario. Troppo, lo so.

    @Ellegio, attendo anch’io in qualche modo, si ipotizza che anche la prima prova possa essere modificata. Vedremo. Per il ricambio da me va meglio grazie alla verticalizzazione delle cattedre; soltanto pochi ancora sono sfuggiti all’esame. Dipende anche dagli indirizzi.

    @RCS, anche in una provincia grande può succedere quello che tu giustamente evidenzi. I presidenti, i presidenti dovrebbero intervenire. Ma riempiono carte, o meglio digitano, digitano, tacciono o fingono di non vedere e sentire.

    Mi piace

    Rispondi

  9. 'povna
    Ott 24, 2014 @ 21:22:13

    Aggiungerei solo che il commissario, su richiesta, e impegnandosi a non richiedere più di un tetto stabilito, possa chiedere di andare anche extra-provincia o regione. Esempio: io ho in parecchi luoghi di Italia le chiavi di parecchi dormi-‘povna che mi permetterebbero di fare la maturità lì allo stesso costo che nella piccola città e la sua provincia. Questa possibilità mi è preclusa, e mi dispiace.
    L’alternanza vera non è possibile, ovviamente, perché ci sono materie, come ginnastica e religione, che andranno meno, o mai, in commissione, e altre, italiano, che ci vanno sempre. E l’idea di far lavorare qualcuno a luglio in modo generico solo perché anche io lavoro, onestamente non mi piace.
    Io aggiungerei una campagna, vera, per applicare la norma dei presidenti nella sua maniera estensiva e considerante la continuità con in gradi di istruzione post diploma. Ma, su questo, stiamo lavorando per voi! 😉

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Ott 24, 2014 @ 22:11:54

    Concordo, Povna.

    Mi piace

    Rispondi

  11. Billy Hunt (@BillyHunt69)
    Ott 26, 2014 @ 15:00:26

    io semplicemente mi sono spesso chiesto perchè da sempre ci siamo commissioni ed esaminatori esterni alle verifiche finali per la maturità, anziché gli stessi che conoscono il candidato e potrebbero anche valutare una possibile defaillance emotiva, senza essere per questo troppo accondiscendenti, chi non va ripete, non è un anno in bocciatura che fa ritardare una possibile “carriera”… alcuni direttori che conoscono hanno ripetuto gli anni (sich…) e noon se lo ricorda nessuno (o quasi:))
    Ci saranno motivi più sicuri per le “esterne” – in classe media almeno spero, non del tutto economica 🙂
    Ray

    Mi piace

    Rispondi

  12. melchisedec
    Ott 26, 2014 @ 19:24:48

    No, no, caro Ray. Già con tre interni e tre esterni l’esame è una mezza farsa, con tutti interni sarebbe una farsa. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: