Meno due

…e poi in vacanza, grazie a una favorevole congiuntura di date e scelte indipendenti dalla mia volontà. E niente compiti da correggere, se non uno smilzo pacco di versioni. E questa volta il grazie va alla Capa, che m’ha fatto confezionare una cattedra leggera per il mio doppio incarico scolastico. Eppure una punta di amarezza ha condito i miei pensieri pomeridiani.

Gravitò nell’universo scolastico dal 1991, poco più che ventenne ho iniziato ad insegnare. Oggi, mentre si svolgeva un noiosissimo collegio dei docenti e voci insulse blateravano con finto entusiasmo una serie di porcate ammantate di innovazione pseudo-pedagogica, ho realizzato che il mio rapporto con la scuola, soprattutto con quello che sta diventando, ma che ancora non è, somiglia a quello di un marito fedele alla propria moglie, a cui balena per un attimo il ghiribizzo di tradirla, ma non lo fa, perché le vuole troppo, troppo bene per cedere alla passione di una scappatella. Pertanto mi sento un po’ come quei mariti annoiati della vita matrimoniale, eppure pertinacemente legati alla compagna della propria vita.

Doveri, doveri, doveri. Sempre meno piaceri, piaceri, piaceri.

Un po’ d’equilibrio male non farebbe.

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in cronache extra-scolastiche. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Meno due

  1. 76sanfermo ha detto:

    E già , ma come si fa a venirne fuori ? Anche perché non e’ cosi facile tradire la propria vita…
    E’ anche vero che se non lo fai da giovane…
    Senti, tanti auguri per il meglio!

    Mi piace

  2. melchisedec ha detto:

    @76SF, non ho risposte. Intanto continuo. 🙂

    Mi piace

  3. Ornella Antoniutti ha detto:

    Se la scuola italiana perdesse un professore come te sarebbe un gran peccato. Per cambiare vita però non è mai troppo tardi, perciò antenne in ascolto e cogliere l’attimo!!

    Mi piace

  4. iomemestessa ha detto:

    E di nuovo cambio casa, di nuovo cambiano le cose. Cantava Fossati. Però, dopo l’entusiasmo del cambio, in genere subentra la delusione. Perciò adelante, che si capisce che sei bravissimo a fare ciò che fai.

    Mi piace

  5. melchisedec ha detto:

    @Grazie, Ornella e Iome. So di fare bene il mio lavoro e mi sforzo per migliorarlo e migliorarmi, non mi stanno bene l’indirizzo politico dominante e il contesto aziendalistico.

    Mi piace

  6. roceresale ha detto:

    Qualche giorno che mi sbaluccicano in testa idee simili, di tradimento “solo pensato”. Spero sia solo il periodo pre-festivo!

    Mi piace

  7. melchisedec ha detto:

    @Può essere, RCS. 🙂

    Mi piace

  8. ildiariodimurasaki ha detto:

    Che dirti? NOn c’è matrimonio che non abbia i suoi momenti di debolezza, o i suoi richiami verso altri orizzonti, diciamo così.
    Nel nostro lavoro però c’è di buono, o di male, che non possiamo andarcene da un giorno all’altro e quindi tempo per pensare ce n’è.

    Mi piace

  9. melchisedec ha detto:

    Sì, succede, Murasaki. Poi arrivano gli attestati di stima, specie quelli indiretti, poi vedi le espressioni dei ragazzi e passa tutto. 🙂

    Mi piace

  10. gipsy2011 ha detto:

    I precedenti commentatori hanno evidentemente percepito in questo post un velato progetto di cambiare lavoro. Io non lo ho percepito. I momenti di insoddisfazione, delusione, disillusione capitano normalmente in ogni mestiere, e tu li hai esternati: è normale. Mentre non hai accennato ad un progetto “alternativo”, condizione indispensabile, superati i quaranta, per poter ricominciare da capo (mentre solo superati i 55-60 l’insoddisfazione lavorativa si traduce nell’attesa del pensionamento). Io credo che, nonostante i preoccupanti problemi del futuro della scuola, tu ami troppo il tuo lavoro (molto più di quanto lo ami io, per intenderci) per rinunciarvi a favore di qualcosa che non hai menzionato.

    Mi piace

  11. melchisedec ha detto:

    @Gipsy, hai centrato il bersaglio. 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...