Non ho “palore”

ts2015v3-113Dire che sono un aspide equivale a un pallidissimo eufemismo. A pochi giorni dalla pausa pasquale fervono i preparativi finalizzati a rallentare, e in alcuni casi a bloccare, l’attività didattica antimeridiana attraverso una serie di iniziative culturali, sicuramente degne di rilievo, ma facilmente collocabili nel primo pomeriggio. E invece no. Tutto si svolge al mattino e s’interseca con il curricolare. Nonostante abbia espresso il mio sonoro NO ad accompagnare alunni in questa o in quella sala cinematografica, in questo o quel teatro e via discorrendo(non mi si parli, poi, di viaggi d’istruzione!), nonostante abbia dichiarato sul registro di classe il mio più ostinato dissenso a che i ragazzi perdano ore di lezioni con il pretesto di fantomatiche urgenze/emergenze educative, non mi ritrovo accompagnatore di una classe e, per giunta, in una fascia oraria, che non coincide con il mio orario di servizio? Così sono esploso. In primis redarguendo furiosamente gli studenti, complici insieme ai miei illustri colleghi del sistematico boicottaggio delle lezioni canoniche, in secundis il collega della disciplina di pertinenza dell’attività culturale mattutina ed esterna, collega che, tra l’altro, non era a conoscenza-dice-di tale iniziativa. Comunque sia, nel giro di un’ora il mio cognome è sparito dalla circolare; preferisco quel giorno subire due ore di supplenza in classi sconosciute che gli atti mafiosi dei colleghi. E per rimanere in tema di mafiosità, non si paventa pure attraverso vie larghissime una segnalazione per un caso disperato? Ciò che mi ripugna è che qualcuno sia stato sfiorato dal pensiero di rivolgersi proprio a me. Non credo di avere dato mai adito alla possibilità di essere “ammorbidito”da chicchessia o alcunché. Non ci posso credere.  

8 pensieri su “Non ho “palore”

  1. Incredibile davvero! Hai fatto bene ad arrabbiarti, in entrambi i casi. Riguardo al primo, diciamo pure che spesso gli alunni sono i primi a marciarci su, quindi bene hai fatto a redarguire anche loro.

    Mi piace

  2. @Pensierini, che dire? Sfrontatezza, tentar non nuoce?

    @Ilaria, mi sono imbestialito perché gli studenti ci marciano su…come i colleghi d’altro canto.

    @Ornella, la scuola dovrebbe essere crogiolo di equità, correttezza, invece probitas laudatur et alget.

    Mi piace

    • In effetti, da mamma, non capisco perché si perda tutto questo tempo. Sì ai progetti, ci mancherebbe, ma in classe quando ci si va?
      Le cose che ti sono capitate sono entrambe gravi, ma sulla seconda…brrrr… ancora si fanno queste cose? 😦

      Mi piace

  3. Il secondo episodio, concordo con Linda, mette i brividi. Sul primo, da noi non potrebbe succedere perché per mettere qualcuno come accompagnatore occorrono due firme del soggetto e la sottoscrizione della presa di responsabilità personale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...