Nuovi costumi

I gatti randagi vagano disperati, disorientati e tristi. Battono lentamente l’asfalto, rovistano tra i cespugli d’erba, alcuni con un salto circense si ficcano dentro il contenitore degli indumenti usati, un parallelepipedo blu di metallo, ma nulla, non trovano nulla. I loro supermercati all’aria aperta non esistono più, se li è portati via una decisione di civiltà: la raccolta differenziata. Nel mio paesello non ci sono più i puzzolenti cassonetti della spazzatura, ma delle regole ferree cui attenersi scrupolosamente. Sono molto contento e sto modificando molte abitudini in tutta fretta per selezionare i rifiuti; certamente per il dopo pranzo e il dopo cena occorre più tempo di una volta, ma la selezione diventerà presto un automatismo. Finalmente, ora che sta arrivando l’estate, potrò sostare sulla terrazza a godermi il fresco della campagna e la fragranza dei fiori senza sorbirmi folate di gattipattumiera. Anche i gatti s’abitueranno prima o poi alla novità e in questi giorni di rivoluzione di costumi, umani e felini, non mancherà loro qualche mano prodiga di cibi vari.

14 pensieri su “Nuovi costumi

  1. “Quando si conoscono i gatti, quando si è passata una vita insieme ai gatti, quel che rimane è un fondo di sofferenza, un sentimento del tutto diverso da quello che si deve agli umani : un misto di dolore per la loro incapacità di difendersi e di senso di colpa a nome di tutti noi.”
    Doris Lessing, Gatti molto speciali, La Tartaruga edizioni, 1991

    Mi piace

  2. l’umido, il secco, la carta la plastica, il vetro … in un attimo ci si pende mano e in proporzione i sacchi sono meno voluminosi, più gestibili. Qualche metro in più per un giretto che ti lascia finire in santa ace la sigaretta … E se rimane pure un bidoncino per il micio o affine, ben venga 😉
    Buona settimana caro Prof!
    Raymond

    Mi piace

  3. Noi la differenziata la facciamo ormai da almeno 2 anni, e anche prima non ho mai visto gatti randagi attorno ai cassonetti. I nostri “randagi” abitano lungo il Po, accuditi e nutriti da volontari, e ci sono pure dei ricoveri tenuti puliti dai volontari di cui sopra. Evidentemente Comune e l’Ente Protezione funzionano bene. Ogni negozio di cibo x animali raccoglie scatolette per le diverse comunita di gatti. E quasi ogni famiglia del mio quartiere ha uno o più gatti.
    Mi piace pensare che, amando i nostri animali, siamo diventati un pochino più civili.

    Mi piace

    • Sicuramente, Marina M. Qui si stanno impegnando una ragazza universitaria e una signora, che non faranno mancare ai randagi croccantini e scatolette. Intanto qui si combatte per fare applicare le regole della differenziata.

      Mi piace

  4. la legge sul randagismo è di quasi venticinque anni fa. io ho fatto alcune baruffe con i veterinari comunali per farla rispettare, far sterilizzare e curare gratis i randagi, ecc. spero che le signore che si occupano dei vostri gatti, siano al corrente e se ne servano com’è giusto che sia. nei luoghi dove ho abitato io, ho trovato che i veterinari comunali cercavano di schivare il lavoro che questa legge gli causava (certo, forse anche pensando che dei furboni gli portavano il loro gatto di casa spacciandolo per randagio)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...