Intrecci

Mi ha messo in un vortice di turbamento e amara tristezza la vicenda del ragazzo di Padova, vuoi anche per la somiglianza fisica con uno dei miei studenti, che quest’anno, se fosse ancora vivo, si sarebbe maturato. Il contesto e le cause della morte sono totalmente differenti, ma talvolta basta un particolare per fare riemergere volti, corsa al pronto soccorso, attesa e disperazione. Potrei, ancora oggi, ricostruire ogni minimo dettaglio di quella calda giornata d’autunno, anche il colore dell’aria, se si potesse. Al contrario di Domenico, il mio alunno Colin fu soccorso subito; prima da due medici di passaggio, poi dal 118. I giornalisti, com’è di regola ormai, sbandierarono ai quattro venti che i soccorsi erano giunti in ritardo, ma non era vero(io testimone e non solo), tant’è che la famiglia del ragazzo non sollevò alcuna polemica o denunciò una tal cosa.

aba342La tragedia della perdita rivelò il suo diciamo lato positivo qualche mese dopo, quando, in uno dei ricevimenti scolastici, mi ritrovai faccia a faccia proprio con quei medici di passaggio che avevano soccorso il mio alunno. Erano i genitori di un primino, tra i migliori che io abbia avuto. Tra noi è scattata una garbata e delicata simpatia, supportata sicuramente da quel tragico incontro, che oggi è anche amicizia; il loro figlio non è più mio alunno, ma continuiamo a sentirci per scambiarci gli auguri o farci quattro chiacchiere di scuola.

La vita, come sempre, ne sa più di noi.

9 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ornella Antoniutti
    Mag 15, 2015 @ 21:18:49

    Ne sa più di noi, certamente, ma quanto sa essere crudele, a volte!

    Mi piace

    Rispondi

  2. 76sanfermo
    Mag 16, 2015 @ 08:56:01

    Ci vorrebbe quel fatalismo orientale che fa accettere la morte come parte della vita……..
    Ma e’ durissima , quando succede a te.

    Mi piace

    Rispondi

  3. melchisedec
    Mag 16, 2015 @ 08:56:05

    @Ornella, purtroppo non ci sono soluzioni di fronte all’ineluttabile.

    @76SF, alcuni orientali sono più saggi, infatti parlano di “latenza”.

    Mi piace

    Rispondi

  4. lanoisette
    Mag 16, 2015 @ 10:14:38

    Solo una grande tristezza.

    Mi piace

    Rispondi

  5. melchisedec
    Mag 16, 2015 @ 19:24:53

    Essì, Lanoisette.

    Mi piace

    Rispondi

  6. 'povna
    Mag 17, 2015 @ 09:09:28

    Questa storia gela il sangue, brr.

    Mi piace

    Rispondi

  7. Billy Hunt (@BillyHunt69)
    Mag 17, 2015 @ 23:00:59

    pericolose .. ad alto rischio le prime uscite degli adolescenti on sempre stato, sotto i 18 anni sono piccoli cristi, e qualcuno che li vuole. in un attimo, quello che non ti aspetti mai …
    Raymond

    Mi piace

    Rispondi

  8. Ilaria
    Mag 18, 2015 @ 20:26:05

    Già, davvero curiosi certi intrecci, ma che esperienza terribile… mi spiace per il tuo alunno e anche per te.

    Mi piace

    Rispondi

  9. melchisedec
    Mag 18, 2015 @ 21:19:36

    @Povna, e immagina…
    viverla!

    @Ray, non è facile che accetti di accompagnare allievi fuori sede; devo fidarmi, altrimenti rifiuto. Questo non assicura nulla, in ogni caso.

    @Ilaria, non è stato facile elaborare. Il tempo ci sta curando.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: