Lente

Uno dei pregi della mia commissione è la lentezza nello svolgimento di tutte le operazioni; il merito è da ascrivere ad Alda Merini, la presidente, il cui motto è festina lente. Inoltre, con mio sommo gaudio, ha cancellato i pomeriggi dal calendario degli esami. Il tutto si svolge così tra le 7.30 e le 14.00, compresa la pausa, ma brevissima. 

Com’è mia abitudine, giungo prestissimo a scuola; il quartiere, fatto di vicoli storici, è silenzioso, ma non sonnolento, i negozietti, soprattutto di generi alimentari, sono già attivi, e la vita alle 8 è in già in alacre svolgimento. Gabbiani e campane intanto, i primi con i loro gridolini, le altre con i loro richiami, cominciano a sciogliere il torpore dei sensi. 

Anche la scuola è infagottata nel silenzio, che viene infranto dall’arrivo dei commissari e dal saluto del custode che, tra un pisolino e l’altro, vigila l’ingresso. Alle 8 e dieci siamo già tutti seduti a lavorare; oggi la correzione dei temi è stata serena e le pretese della Belli e di Icovellauna di fare le grandi  sorelle,  sovraintendendo a tutti gli elaborati,  sono state tagliate sul nascere da Alda Merini, che ha voluto il rispetto dei ruoli e delle nomine dei commissari pur in un contesto di collegialità e di condivisione. A questo punto, dopo aver corretto tre compiti, l’ho fatto io il colpo di mano, coinvolgendo le colleghe nella correzione. Così la tensione del primo mattino è evaporata e si è creato un clima umano meno gelido dei giorni precedenti. Come dicevo, date le premesse del festina lente, me la sono pressa comoda, leggendo e rileggendo le stesse tracce più di una volta; un elaborato l’ho letto ad Alda Merini, in manifesto visibilio, non so se autentico, per il contenuto e la forma dello scritto. Le colleghe nel frattempo hanno ben accolto le mie correzioni e proposte di voto, azzardando per un elaborato un punto in più. 

È stata così una giornata leggera, impegnativamente leggera, che comunque non mi ha risparmiato un cerchio alla testa. Domani si continuerà e così fino alla chiusura della settimana. 

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. roceresale
    Lug 01, 2015 @ 19:41:21

    Ho pensato a qualche passeggiata in quei vicoli alle otto del mattino e al caffé freddo, nel bar. Solo a pensarci, sto bene.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Lug 01, 2015 @ 20:02:52

    Proprio così, Roce. Se scendessi qui, offrirei io. 😀

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: