Intermezzo di chimere

brusv14-157Qualche tribolazione non è mancata per la correzione degli scritti, non tanto per quelli d’italiano, che confermano, tutto sommato, la valutazione da me sperimentata nel corso dell’ultimo anno(a parte qualche eccezione finalizzata a gratificare due allieve, da me tartassate lungo l’arco del triennio)quanto per quelli della seconda prova, affidati al commissario esterno che, certosinamente, s’è rifatto da capo il compito di ciascun allievo e ha effettuato una collatio estenuante, che a poco è servita. Confermati i voti dei “bravi”, i rimanenti non rispecchiano la realtà di competenze e conoscenze, quindi ho visto attribuire voti, soprattutto al rialzo, che hanno fatto accartocciare il tabulato degli scrutini finali. A nulla sono valsi i tentativi di noi interni di mettere sull’avviso la commissaria Marie. Niente. Neanche con le bombe. S’è chiusa nel suo solipsismo da correzione “perfetta” e non ha ascoltato nessuno di noi. In tutto questo la figura da somara la sta facendo lei, mentre i candidati se la ridono, vedendosi attribuiti due o tre punti in più del solito. E non ha proferito parola neppure la presidente Merini. Immagino i commenti da retroscena e le liti(?)tra i ragazzi. Si sa che gli esami di stato spezzano legami di amicizia, che si credevano consolidati. 

Saprò.

Intanto sono in pausa; mi godo una settimana di relativo dolce far niente prima degli orali. Un far niente relativo assai, direi. Non amo stare fermo e, stufo di far affaticare il cervello, mi dedico a tutto ciò che di pratico c’è da fare. Anche la fila in banca o in altri uffici. Anche cucinare. Anche arrampicarmi come spider man per togliere le tende dalle zineffe e farle lavare. I libri, invece, sono gli unici gioielli, che rimangono impolverati, a parte quelli che sfilo di tanto in tanto per leggerli o rivederli. Prima del termine delle vacanze devo ridipingere il mio grande studiolo, perciò ci sarà tempo per togliere la polvere. Ho deciso che due pareti avranno un colore differente dalle altre due e dal soffitto, che sono bianchi. Mi orienterò per un colore caldo, un giallo croceo. Ma prima dovrò rivedere del tutto i punti-luce. Spero non mi colga la noia vacanziera; in tal caso i miei progetti di restyling andranno in fumo.

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in cronache extra-scolastiche, esami di stato, estate, silvae. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Intermezzo di chimere

  1. 'povna ha detto:

    Da noi si è incerti se finire in tribunale o direttamente a manate, per darti l’idea del clima. I voti dati ingiustamente in alto o in basso i ragazzi li sanno subito, concordo: ma se la classe è solida l’amicizia corre di solito su altri binari, almeno quaggiù al tecnico. Certo, forse al liceo cittadino è differente… Buona attesa degli orali, allora.

    Mi piace

  2. roceresale ha detto:

    Se ti annoi tanto e vuoi fare un giretto di tende, imbiancature a casa roceresale, sei il benvenuto! Nel caso, se mi porti pure due panelle… 😉

    Mi piace

  3. melchisedec ha detto:

    @Povna, addirittura! Ma quanno ce vo, ce vo. Che poi l’ordinanza è chiara, le norme ci sono, ma la stupidità e la mancanza di decenza professionale sono sempre in agguato. Grazie! Ricambio.

    @Roce, OK e anche le arancine, che so fare benissimo.

    Mi piace

  4. Ornella Antoniutti ha detto:

    Un bel programma di attività! Invece io quando arriva il caldo farei letargo di giorno e baldoria di notte. Ma non si può. Arancine? Mmmmmm, che buone!!

    Mi piace

  5. melchisedec ha detto:

    @Ornella, qui da me il caldo è sopportabile, ma durerà poco.
    Ce ne sono anche per te, eh? 😀

    Mi piace

  6. albaplena ha detto:

    che bello il “giallo croceo”, suppongo color zafferano, mi ricorda i “crocota colloquia” e la crocota (veste) che non è di moda tra Serchio e Magra (Alcyone, G.d.A.) ma sono convinta che la luce dalle parti tue è tale, da non aver bisogno di rendere vieppiù luminoso e caldo il tuo studio. io sono ancora ferma alle pareti bianche, non riesco ad accettare né modanature né boiserie né colori vivaci

    Mi piace

  7. linda ha detto:

    Ma capita anche che gli esami rinsaldino i legami di amicizia; a volte, pur nella (sana) competizione, viene fuori il lato migliore dei ragazzi e non mancano solidarietà, comprensione e tenerezza per l’altro. I giovani sanno sempre stupirci. 😀
    P.S. Attento alla noia vacanziera: è pericolosissima!

    Mi piace

  8. melchisedec ha detto:

    @Alba, è una questione di occhio, il bianco a volte mi sa di freddo. Sì, la luce qui è accecante. 🙂

    @Linda, me lo auguro.
    Spero non mi colga, altrimenti vedrai un cranio in fumo pure nel blog. 🙂

    Mi piace

  9. ildiariodimurasaki ha detto:

    Bravo, sii attivo. Molto attivo. Siilo anche per me, che in estate vado in letargo, arrotolata accanto a una pila di libri ^__^

    Mi piace

  10. Alidada ha detto:

    da noi qualche ragazzo si è giocato la carta degli esami alla fine ed è riuscito a strappare un bel voto lasciando la bocca amara a chi aveva sempre studiato e ha toppato la prova Invalsi. Godiamoci l’inizio delle ferie anche se io sono indaffarata con i lavori di manutenzione straordinaria della casa

    Mi piace

  11. melchisedec ha detto:

    @Succede anche dell’incredibile agli esami, Alidada.

    Mi piace

  12. melchisedec ha detto:

    Murasaki, i libri sì, anche per me compagni, ma non mi afferri l’astenia estiva!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...