Corto, corto e maledetto

scansione0003A conclusione delle lezioni dedicate al politico Cesare, anche in coincidenza con l’inizio del mese “corto” per eccellenza, non ho potuto evitare di imboccare la tangente dell’erudizione e mi sono così avventurato, e gli studenti insieme a me, in un brevissimo percorso sul calendario giuliano.

 
Dire che gli studenti “cadevano dalle nuvole”, pur ascoltando curiosi, equivale a un complimento. Io, fiducioso, mi sono illuso che potessero seguire facilmente, ma la rotazione delle “palle” dei loro occhi era un inequivocabile monito perché mi fermassi o, quantomeno, sezionassi segmento per segmento il percorso.
 
Così ho fatto.
Eppure qualche considerazione.
Penso che uno studente possa fisicamente sopravvivere senza conoscere l’origine del nome “febbraio” e senza sapere che il 2 di questo mese chiude di fatto il Natale(in America Latina si smonta il presepe), però, culturalmente parlando, si muore un po’ tutti dinanzi a questa progressiva desertificazione di piccoli saperi, seppure stantii.
 
 
La dimensione temporale degli studenti fluttua nella bolla del presente, mentre evaporano passato e, forse, anche futuro.

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Dolcezze di mamma
    Feb 03, 2016 @ 21:15:16

    …e vale lo stesso per il significato del Carnevale o della Quaresima, sull’etimologia di parole-chiave, su avvenimenti più remoti dell’altro ieri… Io approfitto di ogni occasione opportuna e inopportuna per raccontare, ricordare, riproporre. Qualcosa passa, spero.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Feb 04, 2016 @ 20:11:09

    @Dolcezze, siamo sintonizzati sullo stesso canale. 😀

    Mi piace

    Rispondi

  3. Billy Hunt (@BillyHunt69)
    Feb 07, 2016 @ 22:41:38

    si sopravvive ma ci si impoverisce.. in via direttamente proporzionale, io ad esempio esprimevo la mia preoccupazione ad un amico perchè temevo che un gruppo musicale anni 60 andasse dimenticato (the Kinks .. bravi come i Beatles ..) – auspico solo che si sarà voglia di andare a cercare tra i “reperti” quando poi ci sarà effettiva necessita, o comunque predisposizione migliore, quando orari e calendari saranno finalmente meno “fitti” . Ad minchiam , buona settimana Prof.

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Feb 10, 2016 @ 19:39:32

    @Talvolta ritornano, Ray! 😀

    Mi piace

    Rispondi

  5. Ornella Antoniutti
    Feb 11, 2016 @ 07:12:40

    La cultura personale è fatta anche di questi “piccoli” saperi, che in fondo sono chiavi di lettura della nostra realtà quotidiana. Cosa cambia per gli alunni sapere chi era Giulio Cesare? Cambia,cambia… 😀

    Mi piace

    Rispondi

  6. melchisedec
    Feb 14, 2016 @ 11:06:24

    @Lo penso anch’io, Ornella. Cambia, eccome! 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: