A portata d’ orecchio

La nuova di oggi è questa: mezza classe con gli auricolari, mentre svolge un compito. La collega, che mi ha chiesto un’ora di vigilanza, conoscendo l’austerità del mio stile, mi ha raccomandato, in limine, di non rimproverare gli allievi, ché si rilassano ascoltando musica, mentre scrivono. Contenta lei, contenta tutti. 

Dal canto mio, per il prossimo compito di latino, ho già in mente di contattare degli istrioni etruschi e dei flautisti greci, perché rendano piana l’analisi sintattico-semantica della versione di latino.

Che poi, dico, ci vuole molto a entrare in contatto con il mondo esterno attraverso degli auricolari collegati al cellulare? È così difficile ipotizzare che una vocina esterna suggerisca anche una piccola parte del compito agli organizzatissimi nativi digitali? Resto perplesso.

Un tempo, durante il compito in classe, ci si passava tra i compagni i bigliettini o si usava il labiale, oggi lo strumento d’aiuto è a portata d’orecchio.

12 pensieri su “A portata d’ orecchio

  1. La musica in classe solo quando ascoltiamo per qualche motivo una canzone (tipo: Angiolieri cantato da De Andrè, per il resto, il 90% delle volte i cellulari stanno proprio direttamente in cattedra). Sono molto d’accordo con te.

    Mi piace

  2. mah, non so. anche quando andavo a scuola io in alcuni casi (penso a quando facevamo le tavole di disegno) avevo le cuffiette del walkman nelle orecchie – di certo, ai tempi non c’era il problema di possibili suggeritori a distanza.

    Mi piace

  3. @Ipazia,meglio tacere.

    @Kappadue, una follia che potrebbe fare letteratura, però.

    @Lanoisette, per realizzare un disegno potrebbe essere concepibile, il mio punto di osservazione riguarda lo spazio-vita della classe: in classe non si è soli, si sta con gli altri, si dialoga, si interagisce in ogni momento. Ti pare giusto che, per leggere alla classe una circolare organizzativa importante, io debba piazzarmi davanti agli alunni, che nel frattempo scrivono e ascoltano musica, isolati perciò dal mondo circostante, e mimare a gesti che devono togliere per qualche minuto gli auricolari?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...