La borsa di una vita

Ed ecco, a mio parere, il testo poetico per eccellenza del Festival di Sanremo ’16; credo che resterà negli annali della musica italiana. La canzone si snoda attraverso la potente metafora della borsa come summa del vissuto della donna. Il taglio è intimista e probabilmente non rende palesi le ragioni socio-economiche dell’impegno attuale delle donne, ma il testo mi pare comunque un buon tributo alla ricorrenza di oggi.

La borsa di una donna pesa come se ci fosse la sua vita dentro
Tra un libro che non vuole mai finire ed altri trucchi per fermare il tempo
C’è la sua foto di un anno fa che ha messo via perché non si piaceva
Ma a riguardarla adesso si accorge che era bella ma non lo capiva
La borsa di una donna riconosce le sue mani e solo lei può entrare
Nascosto in una tasca c’è quel viaggio che è una vita che vorrebbe fare
Milioni di scontrini, l’inutile anestetico del suo dolore
E stupidi sensi di colpa per quel desiderio di piacere
E se ci trovasse quei giorni
Di carezze fra i capelli
Lei per due minuti soli
Pagherebbe mille anni
Anni spesi per ritrovare
Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire
La voglia di sorridere, di perdonare
La debolezza di essere ancora
Come la vogliono gli altri
La borsa di una donna non si intona quasi mai con quel che sta vivendo
Nasconde il suo telefono gelosa di qualcuno che la sta chiamando
Vicino alle sue chiavi la solita ossessione di scordarle ancora
E in quel disordine apparente la paura di restare sola
La borsa di una donna che può rivelare i suoi segreti in un momento
E forse nella tua distrattamente la sua vita c’è rimasta dentro
Tu che pensavi che ci fosse rimasto un po’ di spazio per un altro amore
Invece nella borsa di una donna non c’è posto per dimenticare, dimenticare…
E vai dove ti porta il cuore, si…
Un ritaglio dentro la patente
Ci sei stata mille volte ma
Non ci hai mai trovato niente
Niente che ti aiuti a capire
Il senso di una sera che non sa meravigliare
Il senso del tuo ricordare e progettare
Scordandoti di vivere adesso
Adesso che si alza un vento che spazza le nuvole
E che si porta via gli inverni
La polvere, i dubbi e i miracoli
Aspettati mille anni
Anni spesi per ritrovare
Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire
La voglia di sorridere, di perdonare
La debolezza di essere ancora
Come ti vogliono gli altri
La borsa di una donna pesa come se ci fosse la mia vita dentro

(M. Adam – A. Iammarino – M. Masini – M. Adami – A. Iammarino)

7 thoughts on “La borsa di una vita

  1. Ecco, io invece mi chiedo sempre come fanno gli uomini a non portarsi dietro la borsa. Ok portafoglio e chiavi in tasca (che già è scomodo), ma dove lo mettete tutto il resto??? ^_^

    Mi piace

  2. Proprio così caro Melchisedec, noi donne nella borsa portiamo letteralmente la nostra vita. Tanto che certi disturbi alla spalla sono aggravati dall’abitudine di portare tracolle pesantissime! 😀
    Dovremmo imparare a viaggiare più leggere, sia in senso letterale
    che metaforico: non possiamo portare il mondo sulle nostre spalle, lo dicevano anche i Beatles! Un bel messaggio, per questa ricorrenza che sta avviandosi, come tutte le altre, a un senso eminentemente commerciale, quando non arriva all’ideologico. Grazie!

    Mi piace

  3. E “La borsa di una donna non si intona quasi mai con quel che sta vivendo” sarà l’intonazione del futuro riconoscimento quando prende la consapevolezza del coraggio di esser stata onestamente indossata, tra gioie, tempeste, amori, battaglie .. sogni …progetti. Molto spesso è una borsa che pesa, consapevole di un sacrificio continuo che solo a lunghissimo termine tende ad alleviarsi.
    A mio modo di vedere è fra le migliori Canzoni di un festival avaro di grossi spunti…
    Ray

    Mi piace

  4. Da appassionata collezionatrice di borse, apprezzo il testo che dice cose molto vere, ma purtroppo, ascoltata, la canzone presenta il solito stampo del festival sanremese, a cui io sono allergica.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...