Sic est

7ae3b3d38ada32aabcc197a90102f40bCorrono rapinosi verso la foce gli ultimi giorni di scuola insieme ai pacchi di compiti e agli adempimenti finali; la corrente trascina via voti e parole tra vortici di quiete e sciami di pensieri. I registri pullulano di voti, come le presenze in aula, neanche fossimo ad ottobre. Stamani ho corretto un questionario di geografia e domani finirà in busta a far compagnia agli altri compiti scritti. Non devo rincorrere nessun alunno per interrogarlo, semmai il contrario, soprattutto per chi ha una visione della scuola come supermercato prendi due paghi uno. Le ore trascorrono liete ed effervescenti tra verifiche e anticipazioni dei programmi del prossimo anno scolastico, ma non mancano segmenti dedicati al ripasso e all’approfondimento. Ho già assegnato qualche compito per le vacanze(due superclassici italiani e una caterva di versioni da analizzare), conscio che soltanto un’esigua parte dei virgulti ne trarrà giovamento. Ciascuno farà quel che potrà. Uno semina intanto, anche tra rovi, spine e pietre; il tempo darà le sue risposte. Anche mute. L’epilogo scolastico porta con sé anche le odiose carte da compilare, schede, schedine e resoconti finanche dei respiri, dei peti e dei rutti rilevati durante l’anno. Sic est.

Fantaepica

 

ulisse3

I miei primini, se anche una novella maga Circe offrisse loro immortalità e giovinezza eterna, non le vorrebbero; non potrebbero sopportare la sventura di vedere invecchiare e morire i loro affetti più cari. Ad una vita paradisiaca, fatta di bellezza, giovinezza e piacere, ma a lungo andare monotona, preferirebbero, stando a quanto scrivono, una piena di sorprese, problemi da affrontare e risolvere, all’insegna del “devo farcela da solo”, “non voglio una vita donata, ma conquistata”. 

Mi auguro che con la crescita non si scordino di quanto hanno scritto.

La lingua materna

Posto qui un documento incoraggiante: lotto quotidianamente per tentare di insegnare grammatica ai miei studenti e sono orgoglioso di essere stato sottoposto a prove di concorso, che mi hanno fatto sudare lacrime e sangue.
***
Pubblichiamo il documento sottoscritto unitariamente dai membri del Direttivo dell’ASLI e della Giunta dell’ASLI Scuola (e inviato al MIUR), dopo aver preso visione delle prove del concorso a cattedre di materie letterarie (ex classi di concorso A043 e A050) dello scorso 2 maggio e aver rilevato la totale mancanza di quesiti sulla lingua italiana. La presidente dell’ASLI Rita Librandi ha sottolineato che «la totale assenza di quesiti linguistici in una prova sovraccarica di domande (tutte di natura letteraria)» costituisce un fatto particolarmente grave, considerato che «assieme ad altre associazioni accademico-scientifiche, l’ASLI ha sostenuto negli ultimi anni una necessaria correzione di rotta nella formazione dei docenti di scuola».

Ma non si dovrebbe insegnare anche la lingua italiana?

Nella nostra veste di membri del Direttivo dell’ASLI e di componenti della Giunta dell’ASLI Scuola deploriamo la totale assenza di quesiti riguardanti la lingua italiana nelle recenti prove di concorso per l’insegnamento di discipline letterarie nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.
Non intendiamo soffermarci su altri aspetti, sia pure discutibili, delle prove, come l’esiguità del tempo concesso ai candidati per quesiti a risposta aperta che avrebbero richiesto riflessione e ampia argomentazione, ma sottolineiamo il dato palesemente più grave. È vero che di recente il Ministero ha opportunamente istituito una nuova classe di concorso per l’insegnamento dell’italiano a stranieri, indicando formazione e competenze specifiche ai docenti che vogliano acquisire l’abilitazione nella stessa classe. Ciò non può far dimenticare, tuttavia, l’insegnamento dell’italiano agli italiani. Ci chiediamo a che valga denunciare ogni anno gli scarsi risultati dei nostri studenti nelle prove OCSE-PISA relative alla lingua materna se poi si trascura di verificare l’adeguata preparazione degli insegnanti in materia di lingua italiana e di educazione linguistica.
Ci si è preoccupati di inserire tra le prove di coloro che sono destinati a insegnare discipline letterarie quesiti volti a verificare la conoscenza delle lingue straniere, ma ci si è dimenticati di valutarne la capacità di riflettere e far riflettere sulla propria lingua, di riconoscere e far riconoscere agli studenti le sue strutture, di modulare e insegnare a modulare varietà e registri in rapporto alle diverse situazioni comunicative. Non mettiamo in dubbio quanto importante sia oggi la conoscenza delle lingue straniere, ma chi sarebbe oggi in grado di negare che una salda conoscenza dell’idioma materno è il requisito cognitivo fondamentale per l’apprendimento di ogni altra lingua?
Ci si potrà rispondere che le prove contenevano quesiti su importanti testi letterari, la cui analisi, in vista della preparazione di un’unità didattica, certamente non esclude l’esame linguistico. Tutto è stato però lasciato alla scelta autonoma del candidato, che avrebbe dunque potuto anche prescindere dalla lingua dei testi. Il vero problema, tuttavia, non è il modo di analizzare i testi letterari, bensì la confusione che ancora oggi si fa, non solo a scuola, tra insegnamento e apprendimento della lingua e insegnamento e apprendimento della letteratura. Per un’abitudine antica, ancor oggi viva tra insegnanti e studenti, nelle aule scolastiche si indica con Italiano tutto ciò che si riferisce sia alla lingua sia alla letteratura, nonostante che nella pratica prevalgano nettamente lo spazio e l’attenzione assegnati alla letteratura, dando spesso per acquisita, soprattutto nelle scuole superiori, la conoscenza della lingua. In molte università italiane si pratica da decenni un’analisi del testo (letterario e non) che, lungi dall’esaurirsi in esercizi di stile autoreferenziali, punta a fornire, attraverso una riflessione fondata sulla linguistica testuale e sulla storia della lingua, strumenti concettuali e metodologici per una lettura interpretativa consapevole. Le ultime prove concorsuali, ignorando gli aspetti linguistici del testo, vanificano un importante e difficile percorso formativo, che appassiona e promuove la crescita culturale e intellettuale dei futuri insegnanti. Da una parte dunque si afferma l’insostituibile valenza della prospettiva linguistica nel curricolo formativo, dall’altra la si nega di fatto nella più importante prova di accesso alla professione dei futuri docenti, innescando rischiose contraddizioni nella coscienza e nella cultura di studenti e insegnanti.
Comprendere testi, parlare e scrivere nella propria lingua, superando i livelli elementari della comunicazione, è condizione indispensabile per la formazione di un cittadino cosciente del suo ruolo e preparato ad affrontare ogni ostacolo nel lavoro e nella società. Come può la scuola dimenticare questo obiettivo, trascurando di verificare quanto i futuri insegnanti siano preparati ad affrontare questo compito?
Ci accorgiamo, tra l’altro, che sempre più spesso l’attenzione dedicata dai media alla lingua italiana assume toni folkloristici, finalizzati a suscitare nient’altro che sorrisi o polemiche irrisorie su effimeri neologismi come petaloso o sui modi di scrivere in rete e nei messaggi dei telefonini. Affrontare il problema della lingua non vuol dire compilare prontuari di “giusto e sbagliato”, assecondare le ubbie di attardati puristi o inneggiare a un insegnamento in inglese della storia dell’arte italiana; significa, al contrario, riconoscere con serietà che è dovere di ogni Paese che intenda rimanere competitivo in Europa e nel mondo assicurare ai propri giovani una competenza piena e consapevole della lingua materna. Ci aspetteremmo che i primi a pensarci, verificando quanto gli insegnanti siano preparati ad affrontare tale compito, fossero proprio le istituzioni a ciò deputate. E invece avviene puntualmente il contrario. 7 maggio 2016 Il direttivo dell’ASLI La Giunta dell’ASLI

Piove. E io non lo so

scansione0007Bislacca. Soltanto così può essere definita la giornata scolastica odierna.

La mia lezione di latino, mentre strizzo i primini, è stata interrotta almeno dieci volte. Pioggia di circolari e comunicazioni varie.

Ospiti in classe: i futuri primini delle medie che fanno stage anche al fine di conoscere la loro futura sorte scolastica. Ma proprio durante le verifiche orali dovevano piombare in classe, mentre piovono sedioline sul registro?

Poi giunge una pioggia meno gradita. Per poco non me la beccavo tutta intera. Un getto di vomito fluisce improvviso dal cavo orale di una studentessa, alla quale, poco prima, visto il pallore del suo volto, avevo raccomandato di chiamare uno dei genitori, perché la prelevasse. Il liquido ha imbrattato parte della cattedra e fatto un lago sul pavimento.

Poi il pomeriggio dei libri di testo e le bislacche varie ed eventuali. Rizzate le orecchie! Il pastrocchio dell’alternanza scuola-lavoro dà i suoi primi frutti: le aziende e le società varie non ne vogliono sapere di accogliere gli alunni, poiché non ci guadagnano e ci perdono. Che se ne fanno di quattro liceali? Proprio un bel nulla. Quindi si escogita di simulare una simulazione d’impresa. E per giunta on line, almeno per la maggior parte delle ore.

Gli alunni simuleranno di simulare la simulazione di un’impresa con esperti simulatori. 

 

 

 

 

 

Fra’ Nero

26291073383_3e864d02c7

26827822851_5a423dcd8d

Lo abbiamo trovato così, immobile, sotto la pergola di vite nel cortile delle monache; a trovarlo, in realtà, è stata la sorella portinaia, mentre spazzava gli scalini del sagrato. Sorella Ramazza lo ha accolto tra le sue mani e ha tentato in tutti i modi di rifocillarlo, ma niente,  fratello Nero rifiuta ogni offerta di cibo. Lo ha sistemato sotto la pergola ieri. E oggi il secondo ritrovamento con sorpresa smorzata. Lo si è sistemato in posizione elevata, ma sicura, speranzosi che la madre lo venga a riprendere. Non occorre essere ornitologi per capire che si tratta di un piccolo fuoriuscito dal nido durante le prove tecniche di volo; nel caso non venga recuperato dalla madre, si provvederà altrimenti. Magari chiamando un esperto.