Clemente, ma non troppo

28862101306_291f1a57d9_nNella scena di quest’estate 2016, tanto clemente nelle temperature medie che, almeno nella collina siciliana, di notte non dispiace il lenzuolo e di giorno raramente si accende il condizionatore, ha fatto la sua comparsa la grande rimossa, giusto per ricordarci di quanto nulla siamo fatti.

Dopo una lunghissima malattia e indicibili sofferenze, che le hanno martoriato il corpo e l’anima, è morta una delle mie cugine-sorelle-tate; in parte se l’è voluta lei, avendo rifiutato, circa sei anni fa, di candidarsi ad un trapianto, che le avrebbe consentito di vivere meglio e più a lungo. A rendere ancora più triste il quadro hanno contribuito la lunga degenza ospedaliera, la freddezza spietata del personale medico(non di quello infermieristico)e l’essere deceduta in ospedale; stando così le cose, è rimasta per ben due giorni a deposito nell’obitorio, in attesa, come tanti altri morti, del funerale. Al momento della sepoltura, in uno dei più eleganti cimiteri della città, s’è posta pure una pietra sopra la sua storia personale che, per molti aspetti, conterrebbe pure spunti di scrittura. Di lei ricorderò il dono dell’accudimento e l’ironia, che non risparmiava nessuno.

Di qualche ora, invece, è la tragica morte sul lavoro di un imprenditore-artigiano-mastro, mio compaesano. Buono come il pane, di poche parole, dal sorriso disarmante. La stessa Marianeve, che solitamente straparla a vanvera, è rimasta attonita e si è chiusa in un silenzio religioso, rinunciando, come me, al calvario del corteo funebre fino al cimitero. A piedi, s’intende. Sotto la canicola d’agosto. Alle tre e mezza del pomeriggio.

Il funerale di paese è differente da quello di città. Il primo conserva in Sicilia i residui culturali del barocco scenografico secentesco(campane a festa e ad agonia, marce musicali ora trionfali, ora neniose, compartecipazione delle confraternite religiose al corteo, totale di tempo quattro ore circa), l’altro è rapido e impersonale. In città sono gli operatori funebri a gestire tutte le operazioni, in paese, invece, i fratelli di fede, capaci ancora, in alcuni casi, di caricarsi la bara sulle spalle e di condurla alla casa eterna.

Triste, deprimente e rapido in città, festoso* in paese, ma con tempi biblici.

*Solitamente i confratelli chiedono alla famiglia del defunto se preferiscano una marcia musicale allegra o cupa. 

12 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Alidada
    Ago 12, 2016 @ 22:42:33

    Sembra che d’Agosto vada sempre tutto bene e nessuno muoia, invece non è così. Mi dispiace quello che ti è successo e ti porgo le mie condoglianze con un abbraccio fraterno. Sui funerali, …che dire, io preferisco le cerimonie silenziose ed intime, senza troppo sfarzo.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Ago 13, 2016 @ 14:58:10

    @Hai ragione, Alidada. Ti ringrazio, sei molto gentile. ☺

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. ornella
    Ago 13, 2016 @ 16:18:56

    Quando una persona a noi cara è colpita da una malattia incurabile e dolorosa è devastante constatare quanto poco possiamo fare noi per alleviare le sue sofferenze. E spesso la medicina che sembra, in altri campi, risolvere tanti problemi si rivela impotente. Allora veramente si tocca il fondo. Povera signora, che destino crudele. Quanto quello dell’altro tuo conoscente, che immagino lasciare non meno dolore per la sua improvvisa scomparsa. Condoglianze, caro Mel, per questa tristissima esperienza che ha funestato un periodo di riposo dagli impegni di lavoro. Un abbraccio.
    Il mio funerale lo voglio semplice. Senza musiche, né addobbi inutilmente costosi. Al massimo poco incenso e canti gregoriani.

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Ago 14, 2016 @ 08:14:43

    @Grazie, Ornella! Io del funerale non mi curo, ma medito sempre sull’epitaffio da scolpire sulla pietra o sul marmo. Lo lascerò nel testamento, credo. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  5. ornella
    Ago 14, 2016 @ 10:21:31

    Lo stesso fece il padre della mia amica di Roma. Devo averlo da qualche parte… magari se ti fa piacere te lo invio privatamente..

    Mi piace

    Rispondi

  6. Alidada
    Ago 15, 2016 @ 00:14:42

    Buon Ferragosto a te Mel 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Ago 15, 2016 @ 06:53:34

    @Ah, ecco, Ornella, non sono l’unico folle allora. 🙂

    @Buon Ferragosto, Alidada! 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  8. ljac48
    Ago 15, 2016 @ 08:17:56

    Qui la chiesa è praticamente vicina al cimitero, per cui il defunto viene ancora scortato a piedi, ma in silenzio e senza musica…Mi hai ricordato un film in bianco e nero, con la banda che suona musiche drammatiche ma ritmate, sotto un sole cocente d’agosto, con trombe e tamburi…e il corteo straziato, più che dal dispiacere, dal tra caldo….!
    Hai fatto bene a non andare: il rimpianto per i defunti non può trasformarsi in un’agonia per chi partecipa al funerale!! :-0
    Quanto all’epitaffio, non credere, non sei solo: ogni tot mio marito, amante dei giochi di parole, ne sforna qualcuno, che io puntualmente dimentico…. 😉

    Mi piace

    Rispondi

  9. melchisedec
    Ago 15, 2016 @ 09:00:30

    @Ljac48, una fortuna averlo a due passi. Non parliamo del sole cocente, mentre sfila il corteo. Le tre del pomeriggio sono un massacro.
    Aggiungiamo un altro allora: tuo marito. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  10. 'povna
    Ago 15, 2016 @ 22:32:09

    Un abbraccio, Mel. Un’estate non semplice, anche per te.

    Mi piace

    Rispondi

  11. melchisedec
    Ago 16, 2016 @ 07:48:39

    @Povna, anche quest’estate, come le ultime due, non certo brilla per bellezza, ma si tenta di spillare sempre il succo del meglio dal peggio. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: