Tullio De Mauro

In memoria di Tullio De Mauro ripubblico un post del 2009, quando ebbi modo di conoscerlo personalmente.

Relatore brillante e convincente, Tullio De Mauro è un uomo elegante e umile.
Il professore, quando ti parla, ti guarda con occhi umani; me lo sono ritrovato accanto a condividere il posacenere.
Fuma con passione e questo me lo ha  fatto sentire più vicino.
Gli ho porto la mano e lui l’ha afferrata come se fossimo due amici che non si vedono da tempo e l’ho torturato con una domanda di analisi logica su una frase che a scuola ci ha fatto impazzire a noi insegnanti.
Nella splendida e storica aula magna di Palazzo Steri De Mauro e altri insigni studiosi hanno intrattenuto i presenti su LINGUA, IDENTITA’, CITTADINANZA.
Ci si è interrogati sulle dinamiche linguistiche attuali in relazione ai flussi migratori e alle possibili soluzioni didattiche scevre dai rigurgiti nazionalistici di certi politici cotini al governo.
Sulla parte linguistica scriverò un post ad hoc.
Il pomeriggio è stato, invece, dedicato ai seminari di studio.
La scuola che ha ospitato noi studenti è un edificio mastodontico.
Aule e corridoi brillanti.
Non credevo ai miei occhi.
Io sono caduto nelle grinfie di Madame Trinet, una docente di francese in pensione, la moderatrice del mio gruppo, denominato PROF PRIDE.
Madame Trinet ha appositamente scelto PRIDE, con esplicito e paradossale riferimento al gay pride, per sottolineare la necessità dei principi di individualizzazione e di costruzione dell’identità a partire dai fenomeni linguistici.
Una madre superiora, una marescialla, una dittatrice.
Ha mani di cera, unghia corte e limatissime con una passata di smalto trasparente.
Le muove con grazia e ti imbuca i concetti nella scatola cranica, volteggiando a destra e a sinistra per l’aula.
Ha curato mirabilmente ogni sottogruppo e la sua grazia femminile in un corpo titanico mi ha più volte fatto distrarre dal compitino che dovevo svolgere insieme a una disfattista della scuola italiana e a una giovanissima collega.
Mi sono divertito, lo ammetto.
E poiché professionalmente sono nato con la camicia, al sottogruppo di cui facevo parte è stata assegnata una consegna congenialissima al mio spirito: manipolare testi poetici.
Ecco cosa è venuto fuori:
 
Irriverente rincorro la vita.
Ho i miei problemi,
ma non sono sempre triste,
ho sempre e solo voluto il meglio,
voglio per voi sempre e solo il meglio.
Mangio parole
cantate nell’aria,
veloce come il respiro ansimante
dopo la corsa.
Non sono grazieadio
un apparecchio automatico,
né il bagliore svelto e fugace
di un ufficio informazioni.
Non voglio enumerare tutti i miei pregi
per abbracciare le nuvole
e cadere nel vuoto.
Non voglio dire
che qui è tutto a posto,
ma non sono in definitiva
un sorvegliante di manicomio.
Non sono uno
con cui si può fare ciò che si vuole;
scontroso e arrabbiato
rincorro la vita,
sono ancora qui,
leggera ombra.
(Identikit di docente secondo Melchisedec)

Informazioni su melchisedec

cultura
Questa voce è stata pubblicata in lectio magistralis, lingua. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Tullio De Mauro

  1. ornella ha detto:

    L’anno appena iniziato promette bene. De Mauro lo ricordo prima ridente e poi piangente, nel suo breve periodo come Ministro della Pubblica Istruzione. Dopo le sue lacrime altre ne vedemmo, da parte di alte cariche di Governo, ma allora non lo sapevamo, e la cosa mi turbò alquanto, pensando alle maestrine che avevo visto affrontare, senza che mostrassero la loro “emozione”, classi molto simili per ferocia a un branco di leoni. Studioso insigne, non sempre equivale a raffinato ed esperto politico.
    Ho riassaporato con piacere il tuo componimento, che sottoscrivo sottoscrivo sottoscrivo.

    Mi piace

  2. melchisedec ha detto:

    #Ornella
    Insigne lo studioso De Mauro; come politico non credo che abbia avuto il tempo di dimostrare la sua competenza o, come i restanti ministri, l’assoluta incompetenza in materia di politiche scolastiche. Fu allora un nome altisonante, un modo per raffreddare il magma politico.

    Mi piace

  3. ornella ha detto:

    Infatti, gli bruciarono le ali, una persona veramente colta in viale Trastevere non poteva sopravvivere!!!

    Mi piace

  4. Alidada ha detto:

    Concordo con te su De Mauro… Sei molto attivo anche in questi giorni di vacanza mio caro Mel, che bravo! Bel componimento, calza a pennello al soggetto preso in questione. 🙂

    Mi piace

  5. melchisedec ha detto:

    Speriamo di proseguire nel ritmo, Alidada.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...