Fave in esilio 

In un campo coltivato a fave il contadino ammonisce: “Zona avvelenata, esule da ogni responsabilità”(Foto scattata stamattina a Otranto).

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ilaria
    Mar 11, 2017 @ 10:28:14

    Mamma mia, ci sarebbe da scrivere un bel po’ e non solo per l’aspetto linguistico. Tra l’altro, “esule” al posto di “esente” non è male, involontariamente rende bene l’idea!

    Mi piace

    Rispondi

  2. ornella
    Mar 11, 2017 @ 19:41:33

    Ricorda il post di Alidada: alito invece di adito.
    Oppure la classica terribile nevralgia del “trigesimo”.

    Mi piace

    Rispondi

  3. ildiariodimurasaki
    Mar 16, 2017 @ 12:04:05

    Io ricordo che qui (come forse dappertutto) “fave” sta per “persone non dotate di senno sovrabbondante”, e avrei una lista lunghissima di quelli che vorrei tanto mandare in esilio…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: