Piccola fata bruna di stelle d’or

Dirò pure, di Venezia, che la città ha una struttura labirintica, e quasi esoterica. Le calli possono intersecarsi, ma anche guidare a un vicolo cieco, così per un non-veneziano è molto facile perdersi; soltanto un veneziano, se lo vuole, può guidare il visitatore. Soltanto un veneziano possiede le chiavi per decifrare la città e permettere a uno straniero di conoscerla. È la storia stessa, e la geografia, di Venezia a determinare questo paradosso di apertura e di chiusura al tempo stesso: tutti potevano entrare nella laguna, a patto che fossero guidati a scansare il pericolo dell’incagliamento delle navi; una volta entrati, gli stranieri avrebbero potuto cogliere l’opportunità di ritagliarsi uno spazio di vita o finire sotto la spada della Vergine Serenissima. Venezia è stata perciò, non so se lo sia tuttora, una città cosmopolita, libera, indipendente e giusta, una miscellanea delle più raffinate culture del Mediterraneo orientale, che trovano una sedimentazione nell’architettura delle abitazioni pubbliche e private. Una città che abbraccia, stritola e ingoia il visitatore in un boccone, come una strega delle favole dalle sembianze di una bella e conturbante “venessiana”.

img_6825

img_6866
img_6873
img_6821
img_6842
img_6820

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ornella
    Apr 01, 2017 @ 16:08:37

    Una visione di Venezia spirituale, oserei dire mistica. Hai saputo cogliere, e lo si indovina dalle immagini, colori e intimità. La Venezia che ho conosciuto da bambina e poi percorso in passeggiate infinite, esplorato negli angoli nascosti al turismo in pomeriggi estivi assolati e pigri purtroppo non esiste più. Ma il tuo post mi fa sperare che qualcosa di quella Serenissima Repubblica esista ancora. Grazie, carissimo!

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Apr 02, 2017 @ 10:02:17

    Penso che esista ancora qualcosa, Ornella. Nelle calli interne ho visto “venezianità”. 🙂

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. ljac48
    Apr 13, 2017 @ 08:39:08

    Concordo con Mel.
    Probabilmente per chi l’ha vissuta da bimba, la città non è più quella, ma per chi la visita, magari fuori stagione, possiede ancora degli angoli fantastici!
    Io sono rimasta affascinata, qualche anno fa, dalla zona del Ghetto e dal Cannaregio.
    Abbiamo trovato osterie,ancora poco frequentata dai turisti.
    Da giugno mia figlia maggiore lavora e abita lì, non sono ancora andata a trovarla, ma mi dice che adora certi angoli, certi campielli dove i bambini giocano ancora “per strada” ( tanto non ci sono macchine). Cosa ormai impensabile, qua da noi!!

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Apr 17, 2017 @ 12:32:00

    Hai ragione. Ho visto con i miei occhi che i bimbi giocano nei campi. 😃

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: