Solitudinis pauperes

33542260283_8a8a3c41a2

Sotto il tiepido sole di ieri pomeriggio, tra effluvi di zagara di agrumi e di rose canine, abbarbicate sugli sterpi dei muretti a secco, che costeggiano i viottoli di campagna, lenta e neniosa una processione di fedeli si è recata all’Eremo dei Poveri, per tributare alla omnititolata Vergine Maria l’onore del restauro. Contrariamente all’inganno che può generare la foto qui sotto, l’eremo si trova in una vallata, ai piedi di una montagna, lambito dalle acque maleodoranti di un corsetto d’acqua pullulante di zanzare, bisce e anfibi, infatti per accedervi è necessario attraversare un ponticello. Malgrado i limiti, non si poteva rinunciare a un appuntamento con la microstoria del mio piccolo centro e così ho partecipato alla processione. Grande assente la mia amica MariaNeve, impedita, dice lei, da dolori articolari, che le avrebbero impedito la scarpinata, e sicuramente dall’allergia stagionale, che, come minimo, l’avrebbe prostrata, se avesse inalato pollini di zagara, rose, vilucchi e margherite.

33968830280_e1fe046004

I vecchi raccontano che vi si andava in processione, recitando il rosario, quando l’annata era stata particolarmente magra di pioggia, ma per i poveri era anche meta di pellegrinaggio nel mese mariano; altri, negli anni ’60 e ’70, lo sceglievano come luogo di scampagnata nelle feste di calendimaggio e di ferragosto. Sull’Eremo dei Poveri le fonti, purtroppo, sono scarsissime; secondo il favoleggiamento degli storici improvvisati il sito fu scelto dai monaci cistercensi(?)alla fine del secolo XIII come eremo, ma dell’antica costruzione non è rimasto nulla. Le notizie diventano, invece, certe a partire dal XIX secolo: l’eremo fu edificato per rendere onore alla Vergine Maria dei Poveri, in realtà i poveri morti di colera, e poi, nel XX secolo, di spagnola, infatti è sicuro che ossa umane siano attualmente presenti sotto il pavimento della chiesa e ai lati del sagrato; lo attestano le epigrafi marmoree incastonate sul prospetto dell’edificio. Probabilmente, a causa delle frequenti ondate di colera, cui si aggiunse poi la spagnola, l’eremo fu adoperato dapprima come lazzaretto per i derelitti e per necessità come luogo di sepoltura, anche per evitare che i cadaveri contaminassero gli abitanti del centro cittadino. Con alterne vicende, dalla seconda metà del XX secolo, l’eremo, come ho detto prima, si è convertito in luogo di preghiera, ritiro spirituale e corporale, fino all’incuria devastante per circa vent’anni, che ha avuto come atto finale il crollo del soffitto, l’abbandono da parte dei fedeli e il ri-popolamento di animali e piante. Dopo lunghe traversie burocratiche, gli enti competenti, su pressione del clero e degli indigeni, hanno provveduto a rimettere in sesto l’Eremo.

Un piccolo gioiello nel tessuto della microstoria locale.

33542241743_2a3bdf7b02

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ilaria
    Mag 02, 2017 @ 01:32:38

    Peccato non ci fosse MariaNeve, avrebbe di sicuro movimentato la processione! ^^ Meno male l’eremo è stato restaurato… con tutto quello che ha visto e ospitato direi che se lo merita (mi incutono sempre impressione e rispetto questi luoghi che hanno ospitato la morte soprattutto durante le varie pestilenze, antiche e “moderne”).

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Mag 02, 2017 @ 15:32:27

    @Sicuramente, Ilaria. 😂
    Siamo tutti contenti del restauro, quanti ricordi!

    Mi piace

    Rispondi

  3. ornella
    Mag 02, 2017 @ 18:15:11

    MariaNeve deve stare male davvero per disertare l’evento. Speriamo si rimetta presto. Concordo con Ilaria, un luogo tanto ricco di memorie va conservato e curato. E visitato, magari. Peccato per quel fiumiciattolo maleodorante: chissà se in epoche passate è stato invece fonte di acqua per l’eremo…

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Mag 04, 2017 @ 20:06:10

    Peccato, Ornella! Non oso immaginare il lezzo di quel fiumiciattolo ad agosto.

    Mi piace

    Rispondi

  5. Mr.Loto
    Mag 08, 2017 @ 16:42:11

    Personalmente trovo un grande fascino in questo genere di luoghi, specie quando la loro storia racchiude un po’ di mistero.
    Ciao, buona settimana.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: