Fare acqua da tutte le parti

In questi ultimi giorni di gennaio sono stato molto impegnato per via dello scrutinio quadrimestrale; è un momento stressante non tanto per la mole delle verifiche, che personalmente preferisco diluire lungo tutto l’arco dei mesi precedenti, quanto per la pressione psicologica che l’obbligo di servizio comporta. Circolari con continue rettifiche di orario, di avvicendamento di classi, di giorni, bestemmie larvate da parte dei fannulloni patentati, lamentele in sala docenti, bizze della rete informatica, crocette da apporre sui giudizi brevi riportanti le varie competenze… E poi allo scrutinio ritardi accumulati, voti non digitati preventivamente(con un click il meraviglioso registro elettronico fa tutto), docenti sostituiti seduta stante… Quadri sconfortanti cui si è avvezzi da tempo oramai a tal punto che sembra tutto regolare e normale e, se filasse tutto liscio, saremmo pure capaci di meravigliarci. Il giorno del mio scrutinio è stato poi particolarmente travagliato, perché ho approfittato della lunga permanenza a scuola(dalle 8 alle 19)per risolvere un problema verificatosi nella mia automobile, che ho affidato ad un meccanico perché svelasse il mistero, almeno per me, che da due mesi aleggia nell’abitacolo lato guida, letteralmente inzuppato di acqua piovana nelle giornate di pioggia intensa. A quanto pare, dopo l’alluvione dello scorso novembre, si sono intasati gli scarichi, perciò una parte dell’acqua penetrava all’interno del veicolo, quando la pioggia era violentemente battente. Spero di avere risolto il problema; attualmente la moquette è in fase di asciugatura, ma il processo è lentissimo. Il meccanico, cui mi sono affidato, al mattino ha preso in consegna l’auto e me l’ha riportata, mentre diluviava, proprio a scuola, quando ormai era buio pesto. Durante lo scrutinio, in verità tre intermezzati da un’ora di pausa per ciascuno(🥵), stavo in fibrillazione, poiché temevo arrivasse improvvisa la chiamata del meccanico; così non è stato, perché come per magia l’auto è arrivata proprio al termine del mio lavoro. Sarà forse stata questa parentesi da carrozzeria ad avermi reso mansueto durante le operazioni di scrutinio, perché, se è vero che nel complesso gli studenti della mia scuola sono bravi, tuttavia risulta poco credibile che per certi colleghi i voti da assegnare oscillino dal 6 al 10 e che non vengano rilevate insufficienze.

A me non la danno a bere.

6 pensieri su “Fare acqua da tutte le parti

  1. Quindi l’auto è stata subito messa alla prova! Se ha retto mentre ti attendeva dopo il lavoro sotto la pioggia, il problema sarà sicuramente risolto… e speriamo che si risolvano anche i “quadri sconfortanti” in qualcosa di positivo!
    Buona domenica.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...