Maxi fioc

E dopo l’astrozenecatura ho provato pure l’esperienza del tampone con il maxi cotton fioc. Ero già sfuggito, non per mia volontà, al primo test organizzato dalla mia scuola a causa degli scrutini del primo quadrimestre, stavolta, invece, grazie a una organizzazione impeccabile da parte dello staff dirigenziale, professori e alunni abbiam potuto fruire agevolmente del servizio. Chi ha voluto naturalmente. Per senso civico innanzitutto. Confesso che la notte prima dell’esame l’ho trascorsa quasi insonne per l’ansietà e la preoccupazione, mentre le ore di attesa le ho annegate concentrandomi sulle attività didattiche con gli alunni che, in molti casi, costituiscono il migliore antidoto ai pensieri al veleno. Giunta l’ora, ho raggiunto l’atrio dell’istituto, dove è stata montata una tenda da accampamento abbastanza capiente, finalizzata alla presentazione dei documenti di rito; da un marziano mi è stato appioppato un codice che, prima dell’ispezione nasale, ho consegnato al medico extraterrestre. Poi mi sono accomodato su una sedia e in 10 secondi, 5 per narice, sono rimasto pietrificato come fossi stato fulminato dallo sguardo di Medusa. Ed è andata bene, ho solo avvertito un leggero fastidio. Così non è stato, invece, per una collega a cui lo spiedino ha provocato una fuoruscita di sangue dal naso. Poi l’attesa… e il responso negativo. Tra un paio di giorni mi sottoporrò al sierologico. Almeno posso dire di aver provato un po’ di tutto e anche con fatalistica serenità. La mia parte di cittadino responsabile continuerò a farla qualsiasi circostanza si presentasse, affidandomi interamente, come l’Augusta sveviana, alle autorità sanitarie. Sarebbe ora che la smettessimo di fare gli esperti tuttologi, avendo da ridire su ogni cosa e pontificando sul nulla.

5 pensieri su “Maxi fioc

  1. Ciao Prof.
    ti scrivo principalmente per inviarti un affettuoso saluto.
    E colgo occasione per strapparti spero un sorriso, in quanto la scorsa settimana ho fatto addirittura due test in quanto avevo perso completamente il senso dell’olfatto. Non mi dilungo in merito le ansie e crisi isteriche che ho avuto prima degli esiti, entrambi negativi.
    La causa del mio problema era dovuta ad una superba fioritura di gelsomini nei pressi della corte comune dell’edificio in cui abito.. vacci un pò a pensare 🙂
    Oggi invece mi sono finalmente vaccinato… prima dose, e sono contento.
    Nei giorni precedenti, a tutti i no-vax che mi chiedevano di non farlo ho sempre risposto “con tutto quello che mi sono fumato in 35 anni, non faccio storie per una semplice iniezione”
    Ad minchiam caro Prof. – ma neanche tanto.
    Affezionatissimo
    Ray

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...