Secco

Complice la perturbazione che ha colpito parte dell’Europa, l’aria si è rinfrescata abbastanza anche in Sicilia, dove da qualche giorno soffia un vento rigenerativo del corpo e dello spirito, che ha spazzato via la cappa dell’afa africana. Ieri il cielo era un manto cristallino d’azzurro, oggi lo hanno movimentato grossi nuvoloni bianchi promettenti acqua. Si prevedono, infatti, per domani dei temporali sul basso Tirreno e quindi si sta speranzosi di un ulteriore refrigerio, purché non si verifichino danni catastrofici, come quelli impressionanti verificatisi in alcune regioni della Germania. Dall’estremo ovest giungono immagini altrettanto apocalittiche: una cupola di calore ha innescato dei tremendi incendi negli Stati Uniti e nel Canada e a quanto pare una serie di temporali secchi peggiorerà la già grave situazione di quelle terre. Non avevo mai sentito parlare di temporali secchi, caratterizzati -ho letto- da fulmini in ambiente arido; tali scariche sono molto pericolose, poiché possono causare incendi boschivi quando raggiungono una massa forestale o una macchia secca. Poiché non piove o piove molto poco, le possibilità di propagazione dell’incendio sono elevate. Se si osservano le foto del cielo di questo pomeriggio, non può sfuggire agli occhi anche l’aridità delle stoppie che costeggiano la provinciale che ho percorso; pure le montagne sono una macchia giallastra qua e là interrotta da qualche pino non ancora colpito dagli incendiari professionisti. Se si abbattesse anche nella mia zona una tempesta secca, si incenerirebbe tutto. Mani umane e naturali si stringerebbero in una morsa fatale. Meglio non pensarci! Mi godo, invece, questo corridoio di cielo, che corre verso l’illimitato e l’indefinito leopardiano.