“Alla falena simile”

img_4469

img_4472Credo di averne ammazzate  almeno cinque per assoluta ignoranza delle loro abitudini  colturali, anche se preso da insania passione per le loro infiorescenze; ho finora  giocherellato  soltanto con le Phalaenopsis, che per la forma ricordano appunto delle farfalle( a forma di falene in greco); sono le più comuni sul mercato, infatti non c’è fioraio che si rispetti, o serra o  supermercato, che non abbia a disposizione delle phal da vendere e che solitamente fanno una triste fine a causa dell’ignoranza di chi le regala e riceve e per il tornaconto dei venditori. Le cause più frequenti della loro lenta morte a casa sono ascrivibili al marciume delle radici o del colletto del fusto, a parte chiaramente la temperatura e l’illuminazione dell’ambiente in cui sono poste. Cosi, dopo aver celebrato  le esequie delle phal in mio possesso, crepate quasi tutte per eccesso d’acqua e per i trucchetti dei fiorai, dopo essermi documentato un minimo con esperti disinteressati al lucrimonio del verde, ho deciso di ammazzare le ultime due con le mie mani; se dovessero anche queste marcire, potrei dire orgogliosamente di essere stato io il mandante volontario di tale delitto e forse chiuderei il capitolo delle orchidee in casa. Come ucciderle dunque, o meglio come provare a farle sopravvivere? Sulla scorta delle informazioni recuperate stamani le ho svasate, ho ripulito le radici vive da sintomi di marciume, eliminato quelle secche e legato  a mezz’aria tra terriccio  e bastone da pothos in fibra di cocco, non interrando del tutto le radici che per eccesso di umidità vanno incontro facilmente alla marcitura. Il risultato probabilmente non corrisponderà alle mie aspettative, ma almeno sto provando a salvarle sperimentando una coltura che si avvicina all’ambiente naturale di alcune orchidee; addirittura alcuni esperti dicono che sia possibile posizionarle a testa in giù, ossia con il colletto orientato verso il terriccio(in verità pezzi di corteccia)proprio per evitare l’accumulo di acqua nel bacino collettore delle foglie e nelle radici che, come si può vedere nella seconda foto dall’alto, sono sospese. Cosa avevo, invece, finora combinato? Mi ero ostinato a interrare tutte le radici, scavando non solo il terreno, ma anche la fossa alle mie phal. Incrocio le dita

8 pensieri su ““Alla falena simile”

  1. ho una collega che ne ha un’infinità e vedessi che meraviglia! Bisogna essere molto attenti con le innaffiature, serve un misurino che è una specie di bicchierino da limoncello e si dà acqua (mi sembra) ogni 15 giorni. Non ricordo però se si deve anche vaporizzare…se vuoi mi informo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...